Cristina Meschi Architetto

Cristina Meschi Architetto

Cristina Meschi Architetto
Cristina Meschi Architetto
Il numero non è valido. Controllare per favore il codice del paese, il prefisso e il numero telefonico.
Facendo clic su 'Invia' confermo di aver letto Privacy e accetto che le mie informazioni siano elaborate per rispondere alle mie richieste.
Nota: puoi revocare il tuo consenso inviando un'email a privacy@homify.com
Inviato!
Questo professionista ti risponderà il prima possibile!

CASA INDIPENDENTE A MEINA

Nel centro storico di Meina, sulla sponda piemontese del lago Maggiore, un edificio di pertinenza di una villa storica nato come fienile ed utilizzato successivamente come autorimessa e locale deposito, diventa la soluzione ideale per un’esigenza di ampliamento della residenza esistente. La necessità dei proprietari è di ricavare una dependance con una zona giorno e due camere da letto che possa accogliere per brevi periodi i due nuclei famigliari dei figli e gli amici in visita. La richiesta è di ricavare una “casetta” del tutto indipendente sfruttando il più possibile la volumetria esistente, senza modificare la sagoma dell’edificio e mantenendone le caratteristiche morfologiche e materiche esteriori.

All’interno dell’involucro esistente interamente svuotato da vecchie tramezze, solai, scale e muri portanti, trovano spazio, grazie ad un gioco di incastri, tre nuovi livelli: uno destinato alla zona giorno e due alla zona notte. Un sistema di scale e corridoi di distribuzione conduce ai diversi piani creando una sorta di percorso circolare lungo il quale gli ambienti vengono messi in continua relazione tra loro mediante l’uso di affacci su zone a doppia altezza. Materiali semplici come ferro ossidato, cemento lisciato, intonaco rustico dipinto a calce o smalto, pietra recuperata dalla vecchia scala e legno da costruzione vengono esaltati nella loro matericità e abbinati ad altri materiali più pregiati come marmo di carrara, acciaio satinato, olmo invecchiato, legno laccato. Esternamente, le modifiche puntuali quali il ridimensionamento e l’apertura di vani finestra e la sostituzione dei serramenti mantiene invariata la conformazione dei fronti del fabbricato anche nei colori e nei materiali.

L’intero piano terra è concepito come spazio della condivisione, e del rapporto immediato con il contesto esterno della villa. I vecchi portoni del magazzino vengono sostituiti da grandi porte finestre ed esternamente una zona pavimentata in pietra naturale accoglie i pranzi all’aperto nella cornice del verde circostante. All’interno lo spazio si apre il più possibile accogliendo tutte le funzioni legate allo stare insieme: zona pranzo, cucina e soggiorno coesistono nel medesimo ambiente caratterizzato dalla presenza della scala monolitica in cemento che porta verso le camere da letto.

Dopo la prima rampa in cemento, la scala che porta al primo livello si sdoppia: due scale in lamiera salgono in direzioni opposte verso le due camere da letto separando quasi bruscamente i percorsi ed evidenziando con il taglio netto del vano scala il volme dell’involucro originario. Quella che sembra una separazione in realtà non è altro che l’inizio del percorso circolare caratterizzato dal continuo passaggio da spazi privati a spazi comuni e da scorci visivi tra i diversi livelli. E’ così che le camere diventano di fatto comunicanti attraverso la condivisione del blocco di servizi centrale il cui disimpegno è in affaccio sul piano terreno al di sopra della scala di cemento.

Il percorso circolare prosegue e si conclude al terzo livello, quello dei soppalchi, accessibili dalle camere mediante le scale alla marinara in ferro ossidato.

Concepiti come spazio di espansione in vista della venuta di eventuali nipotini (… . che poi di fatto sono arrivati… .), i soppalchi sono stati ideati con la possibilità di essere usati come unica grande camerata per ospitare gruppi di amici piuttosto che come luminoso spazio per il gioco o come semplici soppalchi separati tra loro.

Da qui il volume del vecchio fienile viene ancora una volta sottolineato mediante le aperture sul vano scala.

Località
Meina (NO)

Admin-Area