Private villa 330, Sanremo di Studio 4 | homify
Error: Cannot find module './CookieBanner' at eval (webpack:///./app/assets/javascripts/webpack/react-components_lazy_^\.\/.*$_namespace_object?:3566:12) at at process._tickCallback (internal/process/next_tick.js:189:7) at Function.Module.runMain (module.js:696:11) at startup (bootstrap_node.js:204:16) at bootstrap_node.js:625:3
Studio 4
edit edit in admin Richiedi recensione Nuovo Progetto
Edit project Aggiungi foto
Studio 4
Studio 4
Il numero non è valido. Controllare per favore il codice del paese, il prefisso e il numero telefonico.
Facendo clic su 'Invia' confermo di aver letto Privacy e accetto che le mie informazioni siano elaborate per rispondere alle mie richieste.
Nota: puoi revocare il tuo consenso inviando un'email a privacy@homify.com
Inviato!
Questo professionista ti risponderà il prima possibile!

Private villa 330, Sanremo

La villa oggetto della ristrutturazione globale è situata nella parte più a ponente del comune di Sanremo, insediata su una striscia di terreno parallela alla Via Aurelia e caratterizzata da un’ottima esposizione e da una splendida vista panoramica sul mare.

Il progetto di modifica del volume abitativo ha preso spunto dalla attenta analisi dei caratteri forti del progetto originario degli anni ‘50 e da una suggestione che improvvisa si è presentata durante il primo sopralluogo con il cliente.

Raggiungendo l’edificio dal basso, immediato è stato infatti il rimando all’iconografia di alcune ville sulle colline californiane sospese sul panorama scintillante della città sottostante (le Case study Houses, in particolare la Stahl House di Koenig sopra Los Angeles – 1959) o le visioni di Frank Lloyd Wright sul tema dello “sbalzo” (FallingWater – Casa Kauffman 1939 su tutte) Alcune mancanze e fragilità, probabilmente dovute alle modalità costruttive dell’epoca o a problemi sorti durante la fase realizzativa, avevano però indebolito la forza dell’idea e in qualche modo “tradito” gli importanti riferimenti culturali.Motore e obbiettivo di tutta la ristrutturazione è stata dunque la nostra volontà di riportare a nuova vita l’immobile, di leggere nelle sue linee i suggerimenti per intervenire, di agire con lievi limature, riallineamenti, semplificazioni per riportare il tutto alla coerenza originaria. Una sorta di operazione filologica alla ricerca della identità perduta o quantomeno offuscata di questa villa.Si è innanzitutto optato per un “rinforzo” percettivo dello sbalzo del terrazzo in modo da rendere più credibile e drammatico l’appoggio sulle saette diagonali. Tra queste sono stati mantenuti i “volumi inseriti” del Piano Semi-interrato, ridefiniti con pareti vetrate basso-emissive e sottolineati dal sistema di pale orientabili in alluminio.Al Piano intermedio sono state completamente ridisegnate le bucature, secondo un ritmo alternato di pieni intonacati color bianco e di vuoti; l’uso del varco a tutta altezza, aumenta il senso di massività e di volume rispetto alla leggerezza aerea del Piano superiore.In alto, il grande pergolato in acciaio e lamelle in legno, l’eliminazione del cornicione in aggetto, la semplificazione del profilo di copertura, l’uso di vetrate continue e della pavimentazione a doghe in legno tipo barca, tutto ha condotto alla creazione di una sorta di Penthouse, sospesa sulla strada e protesa verso il mare, in una totale continuità di spazi interni ed esterni.Gli interni della villa, completamente ridisegnati, sono caratterizzati da linee pure, rigorose, disegnate sulle direttrici principali di movimento ed enfatizzate dal contrasto cromatico bianco/nero; una sorta di minimalismo spaziale basato su precise teorie prossemiche, cioè sullo studio del comportamento umano all’interno del proprio habitat.La convinzione è che la semplicità di lettura di uno spazio ne aumenti il comfort, ma semplice ovviamente non significa banale: la ricerca progettuale si è perciò spinta nella risoluzione dei minimi dettagli dell’architettura (l’unione fra diversi materiali, l’alternanza cromatica, il taglio delle bucature, lo zoccolo del pavimento, i movimenti dei controsoffitti, ecc.) inseguendo una pulizia che da formale sapesse divenire sostanziale.La nuova zona giorno si sviluppa al piano ultimo in totale simbiosi con il panorama mozzafiato ma, attraverso il grande “vuoto” del living a doppia altezza, riacquisisce una dimensione più domestica e intima in stretto contatto con la parte più privata della casa.

Il progetto pone infine l’accento sulla riqualificazione energetica globale dell’edificio e, coerentemente con le scelte e le logiche del nostro studio, ricerca, anche su questo specifico tema, l’eccellenza.

L’insieme delle scelte progettuali e compositive, oltre alla indubbia funzione e valenza estetica, esprimono la grande attenzione verso la progettazione sostenibile: a cominciare dalla stratificazione dell’involucro edilizio e della copertura, ai molti elementi naturali e architettonici di mitigazione dell’incidenza solare, alle soluzioni distributive capaci di ottimizzare i naturali movimenti e ricambi d’aria, per finire con l’uso di impianti ad alta tecnologia e di un sistema domotico avanzato per regolare i consumi e massimizzare il comfort abitativo.

  • Vista dalla strada dal basso. di Studio 4

    Vista dalla strada dal basso.

    Immediato è il richiamo all’iconografia delle ville californiane anni’50 e alle “visioni” di Frank Lloyd Wright sul tema dello sbalzo.

  • ​Stato antecedente all'intervento di Studio 4

    ​Stato antecedente all'intervento

  • Sezione di progetto Case in stile minimalista di Studio 4 Minimalista

    Sezione di progetto

  • Rendering, vista a volo d'uccello Case in stile minimalista di Studio 4 Minimalista

    Rendering, vista a volo d'uccello

  • ​L’ingresso principale dall’alto. Case in stile minimalista di Studio 4 Minimalista

    ​L’ingresso principale dall’alto.

    Un albero “attraversa” il piano del terrazzo e fonde idealmente natura e costruito in un unicuum inscindibile.

  • La scala di accesso dal basso. Case in stile minimalista di Studio 4 Minimalista

    La scala di accesso dal basso.

    Pietra a secco, ardesia, legno e acciaio sono i protagonisti incontrastati.

  • Lo spigolo della penthouse al piano alto. Case in stile minimalista di Studio 4 Minimalista

    Lo spigolo della penthouse al piano alto.

  • Pergolato sul mare. Case in stile minimalista di Studio 4 Minimalista

    Pergolato sul mare.

    Libri delle idee della redazione con questa foto
    Libri delle Idee: 4
    ["IT"] [Published] IMU: Come Pagare l'Imposta sugli Immobili
    ["ZA"] [Published] ​7 Stylish Shading Options For Your Patio
    ["CA"] [Published] 7 ways to keep your home cool
    ["IT"] [Published] 7 soluzioni per proteggerti dal grande caldo in casa

    Il “silver” del pavimento flottante in teak indonesiano di Corà Legnami dialoga con il cedro rosso americano delle pale frangisole di Merlo donando unità linguistica a tutto l’intervento.

  • Pergolato sul mare. Case in stile minimalista di Studio 4 Minimalista

    Pergolato sul mare.

    Libri delle idee della redazione con questa foto
    Libri delle Idee: 4
    ["TH"] [Published] 9 ไอเดีย ที่บังแดดแบบไม่น่าเบื่อ
    ["IT"] [Published] Come proteggere il terrazzo dal sole: 9 esempi
    ["IT"] [Published] 7 fantastici terrazzi con pergola
    ["IT"] [Published] Comprare Pergola in Giardino: 7 Consigli Pratici

    L’angolo del pergolato in corrispondenza della cucina, crea un suggestivo spazio per le colazioni all’aperto.

  • Interni di Studio 4 Minimalista

    Interni

    La porta di ingresso con il “taglio” del lucernario soprastante che dalla porta di ingresso, attraverso lo spazio relax del camino disegnato su misura, conduce alla cucina e poi fuori alla zona barbecue esterna.

  • Interni di Studio 4 Moderno

    Interni

    L’uso iterato del contrasto bianco / nero esalta la pulizia degli ambienti e dei volumi e permette l’episodico inserimento di improvvisi “squarci” di colore (il grande tavolo da pranzo in resina realizzato ad hoc da Garage Milano).

  • Interni di Studio 4 Minimalista

    Interni

    L’assenza di rigidi divisori degli spazi, il morbido uso della luce naturale, la successione ritmica delle travi del lucernaio, accompagnano la “scoperta” della casa rendendo dinamica ed intrigante la costruzione dello spazio.

  • Interni di Studio 4 Minimalista

    Interni

    Gli iper tecnologici elettrodomestici Wolff e Subzero insieme alla sobria e pratica cucina Siematic, danno vita a una perfetta sintesi tra funzione e design. Il piano di lavoro in stone nero che diventa schienale della ampia zona fuochi, ribadisce il gioco cromatico dell’intera casa.

  • Interni di Studio 4 Moderno

    Interni

    La grande e voluta enfasi della doppia altezza del living è ridefinita nelle sue proporzioni, alla maniera “wrightiana”, dai nitidi segni degli elementi strutturali (travi e pilastro); La lampada “Fall”, disegnata dall’artista Faravelli di FG interior design, veste e completa lo spazio verticale.

  • Rapporto interno/esterno Camera da letto minimalista di Studio 4 Minimalista

    Rapporto interno/esterno

    Linee e geometrie topologiche incorniciano l’ampia vetrata fissa pensata come scenografico testaletto, una sorta di grande “quadro” sul mare.

  • Interni di Studio 4 Minimalista

    Interni

    Come in tutta la casa, il mobilio realizzato su disegno dalla falegnameria Artearredo di Spezia, è progettato in maniera integrata alle murature e agli impianti e collabora attivamente alla definizione degli spazi.

  • Interni di Studio 4 Minimalista

    Interni

    Ancora il bianco del lavabo Slot XL di A.Lupi e della vasca idromassaggio Sundek di Duravit abbinati al mosaico in vetro nero e melange, disegnano lo spazio essenziale del bagno padronale.

  • Uno scorcio iconico del pergolato a sbalzo sul mare. Case in stile mediterraneo di Studio 4 Mediterraneo

    Uno scorcio iconico del pergolato a sbalzo sul mare.

Admin-Area