FF HOUSE di SANSON ARCHITETTI | homify
SANSON ARCHITETTI

SANSON ARCHITETTI

SANSON ARCHITETTI
SANSON ARCHITETTI
Il numero non è valido. Controllare per favore il codice del paese, il prefisso e il numero telefonico.
Facendo clic su 'Invia' confermo di aver letto Privacy e accetto che le mie informazioni siano elaborate per rispondere alle mie richieste.
Nota: puoi revocare il tuo consenso inviando un'email a privacy@homify.com
Inviato!
Questo professionista ti risponderà il prima possibile!

FF HOUSE

A Meduna di Livenza, ultimo paese della provincia di Treviso, a confine con il Friuli, sorge un piccolo complesso, di originarie quattro unità, adibite ad appartamenti popolari e trasformato negli anni ’80 in fabbricato bifamiliare.

L’intervento ha previsto la ristrutturazione, con ampliamento di una porzione del fabbricato.

Originariamente configurato come un piccolo spazio suddiviso in pochi ambienti, due stanze al piano terra e due al piano primo, oltre il bagno, separati principalmente da murature portanti e collegato tra i piani da una scala in legno tinta noce, a seguito di una radicale ristrutturazione il fabbricato ha acquisito maggior respiro e nuovi vani al piano terra.

Per sfruttare al massimo l’esiguo spazio disponibile e per consentire la demolizione delle partizioni strutturali, si è optato per l’un uso a vista delle putrelle in metallo, che verniciate di bianco e illuminate con barre a led sono diventate anche la caratteristica principale del locale stesso.

Il fabbricato composto originariamente al piano terra da ingresso/soggiorno e cucina/pranzo, ha acquisito quattro nuovi vani, l’ingresso, lo studio, la cucina e la lavanderia con il bagno per gli ospiti, edificati attorno al nucleo centrale, che ha mantenuto la funzione del living. I due ambienti originali della zona giorno, inizialmente separati sono stati messi in relazione attraverso il cono visivo definito dalla tripartizione del setto centrale che oltre a disegnare lo spazio, garantisce anche la giusta privacy al soggiorno. Nella zona living è stata inoltre recuperata la scala originaria in noce, la quale ha acquisito leggerezza, grazie alla nuova colorazione bianca e alla rimozione della pesante balaustra in legno. In contrasto con il minimalismo della zona living è stato scelto un pavimento effetto vintage, che ha contribuito a dare luminosità agli ambienti. Tutte le forometrie esistenti sono state inoltre ampliate trasformandole in porte finestre, la scelta di non realizzare ampi finestroni è dovuta sia a esigenze strutturali che alle esigenze di privacy della committenza.

Al piano superiore sono state recuperate le due camere, rivestendo l’originale pavimento, in assito di abete, con delle plance in legno, molto strette, con finitura in rovere sbiancato. Una nota particolare è stata data al bagno padronale, che è stato volutamente rivestito con un materiale caldo e dal colore accesso per contrastare, con l’armonia del bianco che caratterizza tutto il resto dell’abitazione.

Admin-Area