Punto Blu di Enza Evangelista | homify
Cambia la foto del profilo
Cambia la copertina
Enza Evangelista
Enza Evangelista

Enza Evangelista

edit edit in admin Richiedi recensione Nuovo Progetto
Cambia la copertina
Edit project Aggiungi foto
Enza Evangelista
Enza Evangelista
Il numero non è valido. Controllare per favore il codice del paese, il prefisso e il numero telefonico.
Facendo clic su 'Invia' confermo di aver letto Privacy e accetto che le mie informazioni siano elaborate per rispondere alle mie richieste.
Nota: puoi revocare il tuo consenso inviando un'email a privacy@homify.com
Inviato!
Questo professionista ti risponderà il prima possibile!

Punto Blu

UN NUOVO

CONCEPT “PUNTO BLU”

tratto dalla relazione tecnica di progetto:

“L’intervento proposto si riferisce al progetto di un nuovo “PUNTO BLU”, della Società Autostrade per l’Italia SpA, destinato a punto vendita ed assistenza clienti TelePass, collocato nel Comune di Fiumicino lungo l’Autostrada A12 Roma - Civitavecchia, Barriera Roma ovest al km 11+600.

L’edificio rappresenta il primo prototipo di un nuovo concept del “PUNTO BLU”, adibito alla vendita di prodotti e assistenza dei clienti, collocato lungo le autostrade italiane, completamente smontabile e riutilizzabile ed avente una forte immagine connotativa.

Il manufatto, costituito da un ambiente destinato a reception e un vano servizi, è caratterizzato da una struttura modulare metallica realizzata da profili in acciaio zincato e vetro, con rivestimento esterno in pannelli di lamiera microforata, autosufficiente dal punto di vista energetico, in accordo con le ultime direttive europee. Si tratta di una struttura leggera, innovativa, con le pareti costituite da grandi superfici vetrate, che trasmettono la percezione di trasparenza, consentendo la visibilità di tutte le aree destinate al pubblico.

La struttura risulta comunque pienamente protetta dal soleggiamento attraverso un involucro esterno costituito da pannelli metallici in lamiera microforata di colore blu. Tali pannelli, caratterizzati da una particolare foratura, conferiscono un senso di trasparenza, leggerezza ed eleganza al manufatto nel suo insieme, soprattutto nella visione notturna, che diviene scenografica attraverso il caratteristico uso dell’illuminazione interna.

La struttura in metallo che sorregge i pannelli in lamiera microforata ospita nella copertura un impianto con pannelli fotovoltaici, dimensionato per rendere autosufficiente l’involucro edilizio.

L’idea di concepire l’edificio completamente smontabile e riutilizzabile, oltre che rappresentare un vantaggio economico, per il suo carattere di temporaneità, ben si inserisce nel paesaggio naturale che caratterizza il panorama delle autostrade italiane e dove generalmente si prevede la collocazione del centro assistenza “Punto Blu”, consentendo in ogni momento il ripristino dello stato luoghi.

La particolare microforatura variabile dei pannelli, attraverso un attento studio delle trame, rimanda ad un’immagine naturale di bosco, riletta dal gioco delle ombre che si riflettono sul pavimento e sulle pareti e che, modificandosi durante la giornata, decorano gli spazi interni”.

Commento all’opera dell’arch. Franco Bernardini

(dott.re di Ricerca di Composizione Architettonica, Docente di “Arredamento e Architettura degli interni” alla scuola Arti & Mestieri del Comune di Roma)

“Il contesto linguistico in cui si colloca il progetto è da riferirsi al più generale dibattito architettonico sulla immaterialità dell'architettura e alla tendenza verso la rarefazione e trasparenza. La struttura dell'edificio è meno accentuata rispetto all'involucro di rivestimento: una “pelle” artificiale che ha il duplice scopo di proteggere l'edificio dall'irraggiamento e al tempo stesso di comunicare all'esterno e all'interno l'idea filosofica della “Natura Naturans” già di Giordano Bruno che “vuole rendere l'azione tipica della natura, ovvero il produrre in divenire della natura la sua stessa realtà”, in contrapposizione e dialogo con la statica “Natura Naturata”, di Baruch Spinoza. La foratura dell'involucro attraverso pixels circolari, disegna nello spazio una “foresta immaginaria”, che viene proiettata verso l'interno dalla luce solare e verso l'esterno dalla luce artificiale, riproducendo un paesaggio immanente nei tanti luoghi in cui il padiglione verrà collocato”.

CREDITI

Luogo: Fiumicino, Roma

Committente: Autostrade per l’Italia

Anno di Realizzazione: 2013

Superficie Costruita: 60 m2

Architetto: Enza Evangelista

Design Team: Francesca D’Alatri, Benedetta Fantoni , Alessandra Perluigi

Impresa di Costruzione: Fito Flora, Isar

Consulenti Strutture: Giovanni Evangelista

Fotografie: © Filippo Finardi

  • Punto Blu:  in stile  di Enza Evangelista,

    Punto Blu

  • Punto Blu:  in stile  di Enza Evangelista,

    Punto Blu

  • Punto Blu:  in stile  di Enza Evangelista,

    Punto Blu

  • Punto Blu:  in stile  di Enza Evangelista,

    Punto Blu

  • Punto Blu:  in stile  di Enza Evangelista,

    Punto Blu

  • Punto Blu:  in stile  di Enza Evangelista,

    Punto Blu

  • Punto Blu:  in stile  di Enza Evangelista,

    Punto Blu

  • Punto Blu:  in stile  di Enza Evangelista,

    Punto Blu

  • Punto Blu:  in stile  di Enza Evangelista,

    Punto Blu

Admin-Area