Sangervasio Loft di Massimo Adiansi Architetto | homify
Massimo Adiansi Architetto

Massimo Adiansi Architetto

Massimo Adiansi Architetto
Massimo Adiansi Architetto
Il numero non è valido. Controllare per favore il codice del paese, il prefisso e il numero telefonico.
Facendo clic su 'Invia' confermo di aver letto Privacy e accetto che le mie informazioni siano elaborate per rispondere alle mie richieste.
Nota: puoi revocare il tuo consenso inviando un'email a privacy@homify.com
Inviato!
Questo professionista ti risponderà il prima possibile!

Sangervasio Loft

Il loft si trova all'interno di un edificio recentemente ristrutturato ed ha una superficie di 230mq coperti, oltre a circa 100 mq di terrazze esterne. Internamente si articola su due piani. All'ingresso, posto al primo piano del complesso, si trovano un grande spazio living con soggiorno, pranzo e cucina, e la zona notte con la camera padronale, la camera dei bambini, due bagni e la lavanderia. Salendo dalla zona living, mediante la scala a chiocciola in ferro, si entra nel piano sottotetto che ospita la zona giochi dei bambini e la camera degli ospiti con il relativo bagno. Grazie alle grandi finestre a tutta altezza tutti gli spazi sono estremamente luminosi, pur avendo l'affaccio principale rivolto a nord, verso le colline che cingono Brescia. La parte più caratterizzante è data però dalla scelta dei materiali di finitura che richiamassero il vecchia destinazione d'uso a officina dell'edificio che ospita il loft. Tra questi spiccano i mattoni a vista tinteggiati di bianco, la boiserie in ingresso e la scala in ferro ed il pavimento in legno. La particolarità di quest'ultimo è che è stato ricavato da vecchie botti di vino in rovere e castagno. Ognuno dei quattro bagni della casa è stato interamente rivestito, sia a pavimento che a parete, da un tipo diverso di ardesia. Per dare ulteriore risalto alla matericità del loft sia per le pareti che per i soffitti in legno si è scelto il colore bianco. Così anche per gli armadi a tutta altezza che coronano i corridoi di accesso alle camere. La camera principale ospita una struttura molto particolare, poiché il committente aveva richiesto di dividere la zona del letto dalla zona degli armadi e di trovare posto per la televisione. Si è perciò realizzata una struttura sopraelevata, sulla quale poggia il letto, rivestita dello stesso legno dei pavimenti, con una quinta realizzata in vecchie assi di legno bruciato. Quest'ultima, oltre a sorreggere la tv, separa le due zone della camera (letto/armadi) e fa da appendiabiti. Il gradino verde di salita verso la struttura letto, grazie ad un risvolto, può essere anche utilizzato come seduta. Anche la scelta degli arredi è in sintonia con l'idea dello stile che mixa il rustico industriale con sapori vagamente british. In particolare spicca il divano di Minotti, in origine bianco, ma che allo scopo è stato rivestito con un patchwork di tartan originale scozzese.

Località
Brescia

Admin-Area