canalgrande di maurizio ferraro | homify
Cambia la foto del profilo
Cambia la copertina
maurizio ferraro
maurizio ferraro

maurizio ferraro

edit edit in admin Richiedi recensione Nuovo Progetto
Cambia la copertina
Edit project Aggiungi foto
maurizio ferraro
maurizio ferraro
Il numero non è valido. Controllare per favore il codice del paese, il prefisso e il numero telefonico.
Facendo clic su 'Invia' confermo di aver letto Privacy e accetto che le mie informazioni siano elaborate per rispondere alle mie richieste.
Nota: puoi revocare il tuo consenso inviando un'email a privacy@homify.com
Inviato!
Questo professionista ti risponderà il prima possibile!

canalgrande

Tavolo da pranzo-soggiorno in legno massello di briccolecon piano tronco-ellittico in vetro float.

’Venezia è una smisurata teoria di suggestioni: visive, tattili,
percettive, olfattive… A Venezia tutto si mescola, tutto si muove. Anche le architetture si adattano a questo incessante dinamismo… scandito dal moto ciclico della marea. E le briccole, in tutto lo specchio lagunare, subiscono e insieme assecondano questo moto infinito; ma allo stesso tempo sono punti fermi, capisaldi del fluire della vita a Venezia. La briccola è un simbolo così come il Canal Grande è un simbolo. Venezia, da sempre, è organizzata intorno ai suoi canali, ai suoi rii; il Canal Grande è la spina dorsale della città ma assume il ruolo di rappresentarla: il Canal Grande identifica Venezia come Venezia intera si specchia in esso. Abbiamo voluto dare consistenza, materia, massa a questa idea di città mettendo in relazione i materiali che maggiormente manifestano affinità con Venezia: il legno, il rame, il vetro. Nel progetto del tavolo “canalgrande” il legno di briccola viene lavorato, assemblato in un unico elemento monolitico, secondo una tessitura, sul piano orizzontale, che allude alle linee inclinate delle briccole stesse… e lateralmente racconta la sua origine di legno “lavorato” dai microorganismi marini; racconta della sua fragile bellezza, assimilabile ai famosi merletti o alle cesellature marmoree della Cà D’oro… E poi, nel legno, un segno. Forte e deciso, lieve! Una sinuosità che da sola parla di questa città unica, inarrivabile. Un segno inciso nel legno da due lame di rame. Il rame un metallo che serve a proteggere, a preservare dalla corruttibilità, dallo scorrere del tempo, dalla fragilità… E il vetro. Quasi un sinonimo di Venezia, non solo nella sua identificazione con la vasta produzione di oggetti, ma sopratutto per il suo carattere evocativo dell’ambiente naturale su cui questa città nasce e vive ancora oggi. Questa descrizione potrebbe andare avanti e percorrere gli itinerari che ognuno di noi è in grado di trovare, ma preferiamo lasciare che sia “canalgrande” a dirsi, a dire, a raccontare, a evocare suggestioni… come Venezia’.

(progetto: Maurizio Ferraro – Mirto Antonel)

  • canalgrande:  in stile  di maurizio ferraro, Eclettico

    canalgrande

  • canalgrande:  in stile  di maurizio ferraro, Eclettico

    canalgrande

Admin-Area