Lavatrici in Classe A: Ecco Tutto Quello che Devi Sapere

Ornella Correnti Ornella Correnti
pics, Bosch Service Center Bosch Service Center
Loading admin actions …

Il tema del caro bollette è di strettissima attualità e riempie le prime pagine di giornali e tg, risparmiare sull’energia è diventato, quindi, un vero obbligo per cercare di contenere i rincari. Se nell’economia domestica quotidiana si può provare a fare qualche rinuncia, limitando l’uso di ventilatori o condizionatori, ci sono, invece, elettrodomestici di cui proprio non possiamo fare a meno, tra questi c’è sicuramente la lavatrice. Per una gestione oculata possiamo certamente imparare a ottimizzare i carichi, suddividendo con cura gli indumenti o la biancheria da lavare per fare meno lavaggi; ma in generale il vero unico segreto per ottenere un risparmio energetico è saper scegliere la giusta lavatrice con un’alta classe di rendimento, pari almeno ad A. Quando acquistiamo un qualsiasi elettrodomestico siamo ormai abituati a leggere la relativa etichetta energetica, resa ormai obbligatoria dal dicembre 2011 per gli apparecchi alimentati dalla rete elettrica, sia ad incasso che a libera installazione, ad esclusione delle lavasciugatrici. Ma perché è così importante scegliere una lavatrice in classe A? Se volete scoprirlo e siete alla ricerca di tanti altri consigli utili per scegliere al meglio la vostra nuova lavatrice non perdetevi questo Libro delle idee.

1. Leggere l'etichetta

Nell’etichetta energetica sono riportati tutti i dati utili per poter scegliere con attenzione il proprio elettrodomestico, nel secondo settore, infatti, sono riportate una serie di frecce colorate di lunghezza decrescente che indicano la scala delle classi di efficienza energetica, la più alta identificata con la freccia più corta di un verde intenso è la classe A+++ che rappresenta gli elettrodomestici con i consumi di energia più bassi. Più in basso è, inoltre, riportato il consumo espresso in kWh/anno, calcolato sommando al consumo in stand by della lavatrice quello necessario per realizzare 220 lavaggi l’anno. Scendendo ancora troverete tutti gli altri dati utili, quali il consumo annuo di acqua, la capacità di carico, la rumorosità e la classe di efficienza della centrifuga.

2. Non solo estetica

Sebbene la componente estetica è sempre importante, quando scegliamo un elettrodomestico dobbiamo porre in primo piano la questione dell’efficienza energetica perché ci aiuterà a ottenere un notevole risparmio economico. Infatti, per una lavatrice in classe A+++ si stima un consumo di energia elettrica pari a circa 28 €/anno, che aumenta fino a una forbice compresa tra i 41 € e i 35 € all’anno per una in classe A e ad oltre 62 €/anno per una lavatrice in classe D. 

Il modello che vi mostriamo in questa immagine è la Siemens WM44G2M40 iQ500, con carico fino a 9 kg e centrifuga da 1400 giri/min, con un moderno e intuitivo display led touch e l’opzione SpeedPack che accelera il processo di lavaggio per risparmiare tempo. La potete acquistare clicca al seguente link: https://amzn.to/3r8PREj


3. Deve anche essere silenziosa

Considerato che ormai molte tariffe per l’energia elettrica propongono tariffe agevolate nelle ore notturne, in molti approfittano per organizzare i propri lavaggi dalle 19 in poi. Proprio per questo motivo è anche importante che la lavatrice che scegliete sia silenziosa soprattutto se è inserita all’interno della cucina o del bagno in prossimità delle zone più vissute della casa o delle camere da letto. La fase certamente più rumorosa è quella della centrifuga, ma non è affatto detto che una lavatrice con un maggior numero di giri/min sia più rumorosa di una che ne possiede di meno e quindi ha una centrifuga meno potente.

Se volete scoprirne di più su questo tema non perdetevi: “Lavatrice Silenziosa: Come Scegliere la Migliore”

 

4. A ognuno la giusta dimensione

Un altro aspetto da valutare quando acquistate la lavatrice è la sua capacità di carico. Intanto bisogna precisare che il carico indicato è riferito al peso di indumenti asciutti e non bagnati, che inevitabilmente risultano più pesanti; i parametri generali sono:

  • Per una persona va bene una lavatrice con capacità fino a 4 kg;
  • Per una famiglia fino a tre persone è consigliata una lavatrice da 4 a 6 kg;
  • Per famiglie più numerose o con bambini è indicata una lavatrice da 5-8 kg oppure fino a 10 kg in base alle esigenze.

Tenete anche conto delle dimensioni del cestello e dell’oblò per il carico di biancheria ingombrante con ad esempio i piumoni. Per darvi un’idea circa il peso della biancheria considerate che un 1 kg di indumenti equivalgono a circa 5 magliette o una maglietta e un jeans oppure a due asciugamani.

5. In abbinamento all'asciugatrice

Se non avete la possibilità di stendere la vostra biancheria all’aria aperta, l’acquisto di un’asciugatrice diventa quasi d’obbligo. Anche in questo caso tenete in considerazione sempre l’idea di acquistarne una con la medesima classe energetica, almeno pari ad A.

6. Un buon centro assistenza

Un ulteriore parametro che vi consigliamo di valutare nel momento in cui scegliete la vostra lavatrice è la presenza di un buon centro assistenza che sappia darvi la giusta e pronta assistenza, oltre alla facilità di reperire eventuali pezzi di ricambio.

Conosci tutti i vantaggi di una lavatrice in classe A? Scoprili qui e dicci cosa ne pensi!

Hai bisogno di aiuto con il progetto della tua casa?
Contattaci!

Articoli più recenti