Dopo aver letto non pulirai più i vetri allo stesso modo!

Giuseppe Solinas – homify Giuseppe Solinas – homify
Loading admin actions …

Una delle caratteristiche principali delle finestre e delle porte è rappresentata dalla trasparenze dei vetri. Una caratteristica propria del materiale, che richiede comunque una manutenzione, semplice e facile come quella rappresentata da una pulizia periodica. Oltre che essere periodica, però, la pulizia deve essere anche efficace. In questo Libro delle Idee vedremo quindi come sia possibile pulire i vetri in modo pratico, veloce ed efficace.

I risultati si vedranno subito. E se si credeva di avere dei vetri puliti, dopo una buona pulizia sarà evidente a quanta luminosità e luce stavamo invece rinunciando. E questo vale non solo per i vetri di porte e finestre di terrazze e balconi, ma anche per i pannelli dei box doccia, per gli specchi e per le cornici di fotografie e quadri. 

Per tutti questi vetri valgono i consigli che vedremo insieme. Seguiteci.

Una pulizia perfetta in 3 semplici passi

Per ottenere dei vetri scintillanti basta davvero poco. Basterà seguire i tre semplici passi che indicheremo. Credeteci. O meglio, provateci.

Il primo e fondamentale passo per iniziare, è quello di eliminare tutta la polvere accumulata dai vetri di porte e finestre. Una pulizia dei vetri, delle cornici, delle guarnizioni e cerniere, effettuata con un pennello o un spazzola leggera dovrebbe bastare. O, se preferite, potrete usare dei piccoli aspirapolvere portatili.

Dopo di che, si potrà passare sui vetri una spugna o un panno bagnati con un miscela di acqua e aceto, o se preferite un detergente neutro, mischiati a dell'alcol, che serve a disinfettare. E per finire, sarà bene ripassare sulle superfici con un panno asciutto, in modo da lasciarle lucide e brillanti.

Per pulire, applicate la legge di gravità

Per rimuovere la polvere e pulire i vetri utilizzeremo dei prodotti liquidi. E ciò significa che sarà meglio pulire dall'alto verso il basso, in modo da evitare di far cadere dei residui sulle parti già pulite. È una regola molto semplice e logica. 

Stessa cosa vale se consideriamo con quale mano pulire, la destra o la sinistra: ciò che conta è seguire sempre la stessa direzione, in modo da non trascinare lo sporco lungo la superficie del vetro. Un altro suggerimento, scontato quanto trascurato, è quello di pulire i vetri durante le giornate nuvoloso.

Questo perché in un giorno di sole, le superfici potrebbero asciugarsi troppo velocemente, lasciando così dei residui. Sarà bene lasciare al liquido detergente abbastanza tempo per agire in profondità, in modo che il vetro si asciughi quando si passa lo straccio (preferibilmente di cotone) e poi un panno-carta, che finisce di raccogliere tutte le impurità, lasciando il vetro pulito e brillante.

La magia dell'aceto

In tutti i Libri delle Idee di homify in cui si parla dei migliori metodi casalinghi ed economici per la pulizia di oggetti ed elettrodomestici, troverete un riferimento all'aceto. Si tratta infatti di un prodotto naturale dalle incredibili capacità pulenti. Quindi, se non avete in casa dei prodotti detergenti per i vetri, non dovete preoccuparvi. 

Mescolate un bicchiere d'acqua e uno di alcol e aggiungete un cucchiaio di aceto bianco. Se versate il composto in un flacone dotato di tappo spray, potrete usare il composto sia per tutti i vetri delle finestre, sia all'interno che all'esterno, che per le cornici e i piani di cristallo di tavoli e mensole.

Per i casi più estremi: l'acqua calda

La saggezza popolare ci dice del potere dell'acqua calda: quante volte abbiamo sentito dire questo non viene via, se non con l'acqua bollente? Anche i sistemi di pulizia industriale sfruttano questo semplice segreto: utilizzano la pressione e il calore dell'acqua per eliminare lo sporco.

Quindi, nel caso vi stiate trasferendo in una casa, che sia nuova e piena di vetri come quella bellissima che vediamo, oppure che si tratti di un appartamento da pulire e ristrutturare, oppure se non avete semplicemente avuto tempo, dovrete in ogni caso ricorrere all'acqua calda e al nostro amato aceto. A cui aggiungere, magari, un cucchiaio di ammoniaca liquida, per una pulizia più accurata.

Potrete anche utilizzare dei prodotti specifici per la pulizia dei vetri, mischiandoli con l'acqua calda, che permetterà di moltiplicare l'efficacia della loro capacità pulente.

Un riassunto delle cose da fare

Avete già capito che non potrebbe essere più semplice pulire i vetri. Basterà effettuare delle pulizie regolari, una volta al mese sarà più che sufficiente. Come detto, basta poco. Un spazzola leggera per rimuovere la polvere, uno spruzzatore per il liquido detergente, che sia fatto in caso oppure acquistato appositamente, e uno straccio di cotone (ma anche una vecchia maglietta andrà bene!). Bastano davvero questi pochi elementi.

L'unico problema potrebbero darvelo le finestre molto alte. Ma anche in questo caso con un po' di praticità e ingegno, il problema può essere risolto. Su un manico di scopa, infatti, potremo applicare un panno inumidito nel liquido detergente. 

Dopo aver pulito i vetri in profondità, basterà poi sostituirlo con un panno asciutto. E per finire, usare per far brillare le superfici il materiale migliore per questo scopo: la carta di giornale. Provate ad avvolgere lo straccio con il giornale di ieri e vedrete come le vostre finestre brilleranno.

E un riassunto di quello che è meglio evitare

Per pulire i vetri, sarà bene ripeterlo, un indumento di cotone di qualsiasi genere potrà essere riciclato e diventare uno straccio per pulire i vetri. L'unica indicazione è quella di non utilizzare dei tessuti rigidi o ruvidi, che possono graffiare e rovinare i vetri. Cosa che può accadere anche se la polvere non viene eliminata completamente, e si rischia quindi di strofinare le superfici con i detriti.

Abbiamo anche sottolineato come il trucco principale per una pulizia ottimale sia la regolarità. Una volta al mese andrà benissimo, anche se per le superfici di vetro del bagno, soggette agli effetti continui della condensa, sarà bene evitare di aspettare così tanto.

Nel bagno, allora, sarà meglio asciugare le parti umide molto spesso, asciugandole poi con cura. E, per esempio, per i box della vasca o della doccia si consiglia di effettuare una pulizia accurata almeno una volta alla settimana.

Siete interessati all'argomento? Scoprite anche:6 cose da sapere prima di pulire i vetri di casa.E adesso tocca a voi.Diteci cosa ne pensate lascia...
House 1: Camera da letto in stile In stile Country di Opera s.r.l.

Hai bisogno di aiuto con il progetto della tua casa? Contattaci!

Richiedi tuo preventivo gratis

Trova l’ispirazione giusta per la tua casa!