Quattro problemi comuni nell’arredare casa e relative soluzioni

Federica Di Bartolomeo Federica Di Bartolomeo
Loading admin actions …

Siamo sinceri, progettare e poi arredare casa può essere davvero estenuante, specie quando si devono fare i conti con spazi non proprio generosi. Se ci troviamo poi a dover ristrutturare con un budget limitato ci si può trovare  a risolvere grattacapi non indifferenti: come ad esempio mancanza del necessario apporto di luce naturale, scarsa funzionalità della ripartizione degli spazi…

Ultima ma non ultima, c'è poi la  questione sul  delicato gioco di equilibri da rispettare per mettere tutti d'accordo sullo stile che si vuole adottare per le nostra mura domestiche. Recenti sondaggi hanno proprio evidenziato come il pomo della discordia che va a turbare l'armonia delle coppie che decidono di mettere su casa, sia proprio quello legato alle decisioni in materia di progettazione e arredamento degli interni del nido d'amore. Così se lei vuole assolutamente che la cucina sia più grande, lui preferirebbe guadagnare spazio per il soggiorno - e come facciamo sennò  ad organizzare i tornei con gli amici di Fifa 2014 alla play station??- ; se lei si sente audace -quasi spericolata- nell'abbinamento dei colori per il bagno, lui preferisce mantenersi nella zona comfort della classica e sempre attuale soluzione del total white… Questi temi suonano famigliari, e non ci stupiscono, vero? Come nei migliori drammi shakespiriani , ci sentiamo di riconoscere la validità delle argomentazione ad entrambe le parti, ognuna portatrice della sua -seppur opinabile-ragione. 

Tirando le somme quindi, pianificare l'arredamento degli interni può essere un'operazione che richiede grandi sforzi di pazienza, di ingegno e come sempre, anche  di fantasia.

Oggi ad homify abbiamo allora voluto raccogliere in un articolo alcune trovate dall'accento eclettico escogitate dai nostri esperti italiani, che sappiamo vi potranno essere di spunto nei piccoli grandi problemi dell'arredo quotidiano…

Problema numero1: lo spazio!

C'e poco da fare, lo spazio a volte, come proprio il tempo di un forse abusato, ma sempre veritiero detto, può essere davvero tiranno. Ecco che allora ci ritroviamo a spremerci le meningi per ricavare almeno i centimetri necessari per una piccola scrivania e un computer che assolvano alla funzione di piccolo studio. Perché non pensare allora al sottoscala? Ad esempio l'idea espressa dalla foto è in questo senso davvero un'ottimo spunto. La piccola scalinata dal design minimal ed essenziale- pur se originale nel susseguirsi delle linee- è stata infatti progettata in modo da accogliere comodamente una pratica postazione lavoro.Quest'ultima fruisce dell'illuminazione che anima una grande nicchia, la quale diversifica la superficie parietale, lasciando a vista dei mattoncini in stile rustico: uno spazio ideale per raccogliere libri o documenti, che risulteranno sempre a portata di mano!

Il piccolo studio che abbiamo appena visto è stato dunque realizzato nel sottoscala che fornisce l'accesso ad un ambiente che assolve ad altre due funzioni:  cantina e taverna.  La ristrutturazione di questo edificio, nel centro storico di Chieti,  ha infatti previsto la riqualificazione del piano seminterrato, recuperando preziose metrature spendibili per il tempo libero. Dall'immagine possiamo apprezzare la caratteristica strutturazione a voltine realizzata in mattoni, una tipica cifra stilistica dello stile architettonico che caratterizza il centro storico della città abruzzese che ospita questo progetto. Anche noi, se abbiamo la fortuna di possedere un piano seminterrato, possiamo allora pensare di rimetterlo a nuovo e di sfruttarlo in tutte le sue potenzialità. Un caldo rivestimento per il pavimento in parquet ,come è stato fatto qui, renderà l'ambiente sicuramente più accogliente, rendendolo ideale per esempio per le nostre riunioni famigliari o le cene con gli amici.

Problema numero1: lo spazio!- ancora scale

Tornando di nuovo alle scale, ecco un altro esempio eccellente di come sfruttarle al massimo in ambienti non grandissimi. Ottime come piccola libreria, in questo esempio lasciano anche uno spazio per una piccola armadiatura in legno, perfettamente integrata con la prima parte della piccola gradinata.

Problema numero1: lo spazio!- capitolo II

Un 'altra problematica non indifferente è quella di trovare spazio per riporre le nostre cose: salvare dalla polvere indumenti, libri, scarpe, souvenir, lenzuola, coperte.. e chi più ne ha più ne metta. Se il posto per il grande armadio proprio non possiamo o non lo vogliamo trovare, ecco che allora il muro si rivela il nostro alleato più prezioso. In questo caso ad esempio,  la parete, rivolta a due ambienti diversi -andito della zona notte e studio domestico-offre il vantaggio da servire ad entrambi. Il principio su cui si basa questo utile espediente è semplice: all'aumentare della profondità di un vano diminuisce la profondità del corrispondente vano opposto. I rapporti aurei utilizzati nella progettazione, non fanno che conferire armonia visuale alla struttura d'insieme, realizzata in  MDF laccato  e legno di rovere.

Problema numero 2: e la tv dove la mettiamo?

Un interrogativo che può scatenare vere e proprie piccole battaglie domestiche: meglio in sala da pranzo o in soggiorno, ben piazzata di fronte al sofà? Spesso questi due ambienti sono per fortuna integrati l'uno nell'altro, tuttavia rimane la questione di dove direzionare lo schermo. E se lo facessimo roteare allora, quando più ci piace? Sì avete capito bene! L'idea adottata in questo appartamento ritratto nella foto può servirci da esempio da seguire: montata su di un'asta girevole la nostra tv, una volta posta al centro dell'ambiente, si orienterà a nostro piacimento, a seconda di dove e quando preferiamo guardarla.

Problema numero 3: assecondare forme belle ma insolite

Se abbiamo scelto di realizzare il nostro appartamento dei sogni in un sottotetto, è possibile che ci troviamo nell'interessante ma complicata situazione di assecondare un taglio insolito delle pareti e del soffitto, mentre cerchiamo di trovare lo spazio più adatto ai nostri mobili. Come fare allora?

La risposta è semplice: mobili su misura! Otterremo infatti risultati apprezzabili sia da un punto di vista più meramente pratico, sia per quello che riguarda l'originalità e l'estetica. Non trovate ad esempio che le linee di questo armadio siano davvero particolari?

Problema numero 4: l'illuminazione sul piano lavoro in cucina

A volte infatti l'illuminazione di cui disponiamo sui fornelli o sul piano di lavoro è, per usare un eufemismo, a dir poco inadeguata. Spesso la cappa accoglie una lampadina che orienta l'illuminazione in maniera invece aggressiva, che tende a stancare i nostri occhi. Una soluzione come questa renderà allora tutto più semplice: una grande cappa dalle  forme geometriche purissime che è allo stesso tempo una lampada.

La cappa infatti distribuisce in maniera equilibrata una gradevole luce soffusa, utile sia per una corretta illuminazione dell'isola della cucina che per il resto della stanza. L'atmosfera inoltre ne guadagna in sofisticatezza e originalità..cosa volete di più?

E voi cosa ne dite, quali sono stati i problemi più complicati da affrontare nella progettazione della vostra casa? Siamo curiosi di conoscere le v...
House 1: Camera da letto in stile In stile Country di Opera s.r.l.

Hai bisogno di aiuto con il progetto della tua casa? Contattaci!

Richiedi tuo preventivo gratis

Trova l’ispirazione giusta per la tua casa!