​Come costruite una piscina in giardino: norme e suggerimenti

Guido Musante Guido Musante
Loading admin actions …

Chi di noi non desidera, specie nei mesi estivi, potersi immergere in una fantastica piscina, inserita nel giardino di fronte a casa? Realizzare una piscina secondo le nostre esigenze non è poi molto complesso, basta attenersi a une serie di normative che questo Libro delle Idee vi illustrerà brevemente. Argomento soggetto a una grande discussione è sempre quello relativo ai permessi necessari a costruire una piscina, sia nella tipologia interrata che semi-interrata.

L’argomento è molto ampio e vario. Per quanto riguarda le piscina a uso privato esiste un accordo stato regione che viene recepito in modo diverso, e con tempi diversi, da regione a regione. Questa particolare condizione fa sì che anche all’interno della stessa regione le diverse province, a volte con motivazioni molto complesse, diano pareri negativi alla costruzione delle piscine.

Vediamo dunque più in dettaglio come procedere e a quali casi possiamo far pronte nel momento in cui intraprendiamo l'avventura di realizzare una piscina nel nostro giardino.

A chi voglia approfondire l'argomento consigliamo anche la lettura del Libro delle Idee intitolato: Quanto costa una piscina?

Il quadro della situazione

Le casistiche per la realizzazione di una piscina sono molto diverse e così i permessi che è necessario ottenere. Si va dall'autorizzazione motivata dall’ARPA, agenzia regionale prevenzione e ambiente, riguardanti lo scarico delle acque di piscina fino ai vincoli sul colore del telo della vasca, per far si che la vista dall’alto delle piscine sia “meno impattante” rispetto al paesaggio del contesto circostante. 

Sempre per quanto riguarda il permesso, alcuni comuni adottano il RUE, Regolamento Urbanistico Edilizio, particolarmente restrittivo da alcuni punti di vista, come per esempio per quanto concerne il contenimento del consumo idrico oppure per le tematiche connesse con il dissesto idrogeologico del terreno in questione. Nel caso di piscine realizzate in cemento armato , oltre il metro e cinquanta di scavo, alcuni comuni prevedono il rispetto delle normative anti-sismiche, e quindi tutti i calcoli del ferro e del cemento impiegati devono rispettare precise norme.

Esistono naturalmente casi particolari, più restrittivi. Per esempio quello di aree soggette a particolari vincoli in quanto poste in parchi naturali o in zone di rispetto di edifici considerati storici o di particolare pregio.

​Quali permessi?

Fatte le opportune premesse appena esposte, non lasciatevi abbattere! Costruire una piscina in generale è infatti nella maggior parte dei casi più facile di quanto non possa sembrare. Infatti rispetto al passato oggi è sufficiente consegnare agli uffici tecnici comunali una semplice pratica DIA (Dichiarazione di Inizio Attività) o una SCIA (Segnalazione Certificata di Inizio Attività) oppure anche una CIL (Comunicazione di Inizio Lavori) per poter procedere con l'operazione, senza dover ricorrere a una molto più complicata concessione edilizia.

Il documento presentato deve essere redatto da un professionista abilitato: geometra, architetto, ingegnere, eccetera. Una volta presentato lo stesso documento il Comune ha un mese di tempo per opporsi, se non lo fa, scaduti i trenta giorni, si può procedere alla costruzione della piscina.

Sebbene questa sia la procedura standard, è necessario sempre informarsi presso l’ufficio tecnico del Comune per verificare se ci sono vincoli di tipo paesaggistico o eventuali altre norme del piano regolare, come caratteristiche progettuali, forma, colore, dimensioni della piscina, ecc.

Un suggerimento


Per evitare problemi in fase di presentazione del progetto può essere consigliabile procedere in modo “inverso”. Ovvero invece che realizzare un progetto e poi sottoporlo agli uffici tecnici comunali conviene prima consultare il referente del Comune, (cosa che potete fare anche voi come privati cittadini), e definire con i tecnici comunali tutte le variabili in gioco: l’iter progettuale, la posizione all’interno del giardino, il posizionamento degli scarichi delle acque, i colori del telo e via dicendo, che costituiranno poi la base del progetto che verrà presentato. Accertarsi anche, se si hanno dei dubbi, che sotto il nostro giardino non passino condutture idriche, elettriche o del gas, oppure scarichi fognari.

Una soluzione più “leggera”

Piscina di campagna: Piscina in stile in stile Mediterraneo di Piscina Più
Piscina Più

Piscina di campagna

Piscina Più

La tipologia di piscina e i sistemi costruttivi impiegati influiranno naturalmente in maniera diretta su tutto l'iter realizzativo. Esistono infatti anche i sistemi costruttivi per le piscine di tipo leggero, ovvero senza l'impiego di cemento armato. Il mercato offre infatti numerose soluzioni che permettono di installare piscine interrate e semi-interrate realizzate in pannelli di acciaio. Questo genere di piscina sfrutta sul 'piano costruttivo apposite guide su cui è possibile montare la struttura, evitando così di dover realizzare opere murarie, fonte molto spesso di problemi rispetto alle necessarie autorizzazioni da ottenere da parte delle amministrazioni comunali.

La piscina nell'immagine è proposta da Piscina Più.

​Attenzione alle tasse!

Occorre infine prestare attenzione al fatto che, in alcuni casi, la realizzazione di una piscina trasforma la casa in immobile di lusso. Ciò si verifica quando la piscina supera gli 80 mq di superficie, e in tal caso comporta una variazione sulla classificazione catastale. Generalmente però tale parametro non è sufficiente per far passare la propria casa nella categoria di lusso. Infatti oltre a una superficie della propria piscina superiore agli 80 mq, l’abitazione deve presentare almeno altri 4 requisiti, tra una serie di elementi da verificare presso l’ufficio tecnico comunale:

- Una superficie abitabile superiore a 160 mq

- Superficie terrazze superiore a 65 mq

- Presenza di ascensori o montacarichi

- Presenza di rivestimenti e decorazione pregiate.

Inoltre anche se la casa dovesse essere rivalutata come immobile di lusso è sempre possibile far ricorso!

House 1: Camera da letto in stile In stile Country di Opera s.r.l.

Hai bisogno di aiuto con il progetto della tua casa? Contattaci!

Trova l’ispirazione giusta per la tua casa!