homify 360°: Cube house, una casa cubica con piscina

Federica Di Bartolomeo Federica Di Bartolomeo
Google+
Loading admin actions …

La forma cubica in architettura, non è solo una tendenza stilistica, volta ad esaltare la purezza e l'essenzialità della forma geometrica. È l'espressione di un parametro molto importante ai fini dell'edificazione in termini di sostenibilità energetica, e cioè quello della compattezza.  Ciò che rende una casa compatta è, a parità di volume, la minore quantità possibile di superficie esposta all'esterno, fattore che garantisce le migliori prestazioni energetiche che si possano desiderare per un edificio. Intuitivamente, sappiamo allora che la forma geometrica più compatta- perché più chiusa in sé stessa fondamentalmente- è la sfera. Visto che quest'ultima forma solida non è di solito sfruttabile nell'edilizia (comportando problemi di natura pratica a livello urbanistico  non indifferenti) ecco che ci si rivolge molto più spesso a quella cubica, la forma geometrica che più si avvicina alla sfera per caratteristiche di compattezza. Una forma cubica perfetta, avendo le pareti che superano certe dimensioni, potrebbe però comportare problemi di illuminazione  e di areazione. Così il più delle volte si opta per una forma parallelepipeda con pareti diversamente caratterizzate a seconda delle esposizioni. 

Oggi  vogliamo quindi darvi quello che secondo noi è un eccellente esempio di architettura cubica. Vi portiamo a San Paolo del Brasile, una delle città più belle e controverse al mondo. Qui l' MK27, uno studio di architettura dall'esperienza decennale e pluripremiato a livello internazionale, porta avanti il concetto espresso dal modernismo brasiliano, cercando di evolverne e di ampliarne il pensiero in termini di originalità e innovazione. 

Il progetto che vogliamo presentarvi rappresenta più nel dettaglio, un esempio di architettura cubica che potrebbe essere definita decostruttiva: il cubo cioè viene aperto e articolato in una sua parte fondamentale- quella inferiore in questo caso- per garantire il giusto equilibrio tra l'apporto di luce ed aria e la giusta proporzione tra superficie esposta e volume, configurandosi come un modello di efficienza energetica e di estetica moderna.

Un giardino rigoglioso

Entrando, una volta oltrepassata la recinzione, siamo quasi storditi dalla quantità di vegetazione presente in questo giardino: sembra davvero difficile credere che ci troviamo in una delle metropoli più popolate al mondo. La piscina che si profila davanti ai nostri occhi è letteralmente una piscina da giardino tanto forte  è la connessione visuale che caratterizza la sua interazione con la flora.

La terrazza sulla piscina

​Avvicinandoci notiamo la terrazza, dai caldi toni in legno, che arriva a coprire il bordo piscina.  Protetti dalla rigogliosa vegetazione si può davvero scegliere in tranquillità se  godere di queste acque limpide in tutta riservatezza o se accomodarsi pigramente sui morbidi sofà ciclamino. Il grigio chiaro della facciata, insieme al verde brillante del prato e alla tonalità smeraldo scelta per la pavimentazione di fondo della piscina, contribuiscono a creare un equilibrio di cromatismi di sicuro effetto.

Un delicato ma sicuro sostegno

​Guardando la villa da una prospettiva trasversale cominciamo a coglierne la struttura nei suoi elementi base. Nella parte inferiore dell'abitazione una grande fetta di volume è stata notevolmente sottratta, per mezzo di delicate colonne circolari che fanno da sostegno ai piani superiori. 

Il rapporto con la luce naturale

La compattezza che caratterizza le porzioni superiori dell'edificio sono alleggerite da grandi aperture, destinate a fornire un'ondata di luce anche allo studio e alle camere da letto.  Come però si vede dalla foto -all'occorrenza e specialmente nelle ore più calde- una schermatura di vetro smerigliato provvederà a proteggere anche la sala da  pranzo e il soggiorno posti di sotto.

Questi ambienti hanno come unica divisione con l'esterno un sistema di vetrate scorrevoli e automatizzate che  costituisce lo stupefacente rivestimento parietale.

Un micro-habitat naturale

Questo è un mattino/ del Brasile. Vivo dentro/un violento diamante,/tutta la trasparenza /della terra si è materializzata sulla/mia fronte,/si muove appena/la ricamata vegetazione, il rumoroso cinto/della selva: /ampia è la chiarità, come una nave/del cielo, vittoriosa.

È questa l'unica descrizione a cui possiamo affidarci per rendere al meglio l'impressione da noi destata da questo stupendo giardino:  le parole che il poeta Pablo Neruda aveva scelto per descrivere la sconvolgente bellezza del paese che ospita questo progetto.

Dobbiamo infatti davvero tornare a soffermarci sulla vegetazione che circonda questa abitazione, un vero e proprio micro-habitat naturale ricreato in versione domestica. 

​La casa è letteralmente lanciata sulle piante da giardino, alle quali sembra quasi sottrarre con discrezione spazio. La vita frenetica e rumorosa della grande città globale è davvero lontana, quasi un ricordo.

Gli interni

​È però arrivato finalmente il momento di entrare, scoprendo il comfort e il lusso di questi interni. Il compito di sdrammatizzare il bianco assoluto delle pareti e del soffitto è stato affidato al confortevole arredamento per il soggiorno e all'enorme tappeto bordeaux che dona carattere all'intera stanza.

​Un'enorme libreria  prende il posto di un'intera parete, rivelandoci l'anima luminosa dei suoi scaffali: un valido aiuto anche di sera ,quando stanchi, cercheremo quella vecchia edizione rilegata che proprio non ricordiamo dove abbiamo messo!

Non esiste alcun divisorio tra il soggiorno e la sala da pranzo moderna, perfettamente integrate l'una nell'altra. Dato che ci troviamo in un paese che gode di bel tempo per la maggior parte dell'anno, la possibilità di pranzare o cenare ogni giorno quasi come all'aperto- ma con tutti i benefici del comfort degli arredi interni- sarà qui pienamente sfruttata.

I piani superiori

​Il corridoio in salita che ci conduce ai piani superiori presenta una sorpresa: come soffitto a protezione delle scale in legno, un'altra gradinata, ma questa volta in acciaio spazzolato, collegamento con l'ultimo piano.

Lo studio

​Questo ambiente è stato pensato davvero come lo spazio di lavoro perfetto. L'andamento longitudinale ha favorito l'inserimento di un lungo e ampio tavolo che si sviluppa lungo tutta la lunghezza  della grande libreria, compagna di quella che avevamo trovato già in soggiorno. Se durante la giornata l'orientamento a sud della grande finestra fornirà il giusto apporto luminoso, sarà compito delle  grandi lampade quello di garantire anche di sera l'illuminazione perfetta.

La zona notte

Come arredare la camera da letto?​ È una domanda che mette in crisi anche i più sicuri di  sé in fatto di arredo degli interni. La risposta però a volte è davvero molto semplice: design minimal. Ad esempio come è stato nell'arredo della camera  padronale  della nostra meravigliosa villa brasiliana. Il letto segue l'andamento orizzontale delle armadiature, in un bianco purissimo. Tutto è illuminato da una grande finestra orientata longitudinalmente, adatta alla generosa metratura di questo ambiente.

La terrazza sul tetto

​Al tramonto, un caldo rivestimento in legno accoglie i nostri passi sul tetto dell'edificio. Qui la vista a 360 gradi sulla città è a dir poco mozzafiato.

Vista notturna

​Chiudiamo la nostra visita ammirando la villa nella sua veste notturna. L'impianto luminoso  è curato nei minimi dettagli, provvedendo anche ad un' illuminazione subacquea d'effetto per la piscina e assicurando la giusta atmosfera anche per il bagno di mezzanotte.

Cosa ne pensate di questa meravigliosa abitazione brasiliana e dell'architettura cubica in generale? Lasciate un commento!
House 1: Camera da letto in stile In stile Country di Opera s.r.l.

Hai bisogno di aiuto con il progetto della tua casa? Contattaci!

Richiedi tuo preventivo gratis

Trova l’ispirazione giusta per la tua casa!