​La smart casa: tecnologia intelligente per tutti

Guido Musante Guido Musante
Loading admin actions …

Nel corso del Novecento lo spazio domestico iniziò ad essere pensato come un luogo funzionalmente complesso, i cui dispositivi avrebbero dovuto essere gestiti attraverso strumenti di automazione.

Le origini della domotica possono ricollocarsi a William Penn Powers, un costruttore edile che nel 1891 costituì la Power Regulator Company, un’industria di regolatori di temperatura, introducendo, per la prima volta, la tecnologia nell’automatizzazione. Negli anni '50, sempre negli Stati Uniti, fu realizzato il primo dispositivo di controllo di tutte le informazioni sul funzionamento degli impianti. Nel 1966, un ingegnere della Westinghouse Corporation, Jim Sutherland, creò l’Electronic Computing House Operator, o ECHO IV, con un dispositivo di automazione domestica per il controllo della temperatura e di alcune apparecchiature elettriche. Nel 1970, la Pico Electronics sviluppò uno degli standard industriali più utilizzati oggi in Domotica, che sfrutta la linea elettrica per le sue trasmissioni.

Il resto è storia recente e vede le automazioni domestiche sempre più presenti nei progetti di sviluppo e trasformazione della abitazioni contemporanee. Oggi la domotica svolge un ruolo chiave nel rendere “intelligenti” apparecchiature, impianti e sistemi connessi con gli spazi abitati. Un impianto elettrico intelligente, per esempio, può regolare autonomamente l'accensione degli elettrodomestici allo scopo di non superare la soglia che farebbe scattare il contatore. Nella casa intelligente le apparecchiature e i sistemi tecnologici sono in grado di svolgere funzioni parzialmente autonome (secondo reazioni a parametri ambientali di natura fissa e prestabilita) o programmate dall'utente o, più di recente, completamente autonome.

Se l'automazione riguarda tutto l'edificio è possibile ottenere la gestione coordinata, integrata e computerizzata degli impianti tecnologici (climatizzazione, distribuzione acqua, gas ed energia, impianti di sicurezza), delle reti informatiche e delle reti di comunicazione.

La casa connessa

La domotica permette il controllo della casa tramite opportune interfacce utente di diversa tipologia: pulsanti, telecomandi, touch screen, tastiere, riconoscimento vocale sono alcune fra le principali. Le interfacce inviano comandi e ricevono informazioni da e verso il sistema intelligente di controllo, basato su un'unità computerizzata centrale oppure su un sistema a intelligenza distribuita. I diversi componenti del sistema sono connessi tra di loro e con il sistema di controllo tramite vari tipi di interconnessione come per esempio una rete locale, un sistema a onde convogliate o un sistema a onde radio.

​Il risparmio energetico

Soggiorno in stile in stile Moderno di LAVRADIO DESIGN
LAVRADIO DESIGN

Sala de estar

LAVRADIO DESIGN

Una delle funzionalità sulle quali un sistema domotico avanzato può influire maggiormente è il controllo dei consumi energetici legati alle diverse funzionalità della casa: dall'impianto di illuminazione agli elettrodomestici fino al consumo di gas per il riscaldamento e alla produzione di acqua calda. Un impianto elettrico intelligente, per esempio, può regolare autonomamente l'accensione degli elettrodomestici allo scopo di non superare la soglia che farebbe scattare il contatore.

Le luci e gli elettrodomestici da programmare

Cucina in stile in stile Moderno di ARTE CUCINE/ PEDINI SAN ANGEL
ARTE CUCINE/ PEDINI SAN ANGEL

ARTS & CRAFT BY PEDINI ARTE CUCINE

ARTE CUCINE/ PEDINI SAN ANGEL

In una casa intelligente gli elettrodomestici sono dotati di sofisticate interfacce che ne consentono il controllo in remoto e la programmazione avanzata. Allo stesso modo può essere regolato l'impianto di illuminazione, capace di regolare automaticamente il proprio grado di intensità luminosa e di accendersi e spegnersi in relazione alla presenza di utenti in un determinato ambiente, regolata attraverso sensori a infrarossi. Un impianto di illuminazione intelligente permette accensioni multiple anche automatiche delle luci in base all'instaurarsi di condizioni specifiche o di scenari programmati (es. ci sono ospiti, diamo un party, vedo un DVD); l'autoaccensione secondo schemi copiati dalla realtà delle luci dopo il riconoscimento automatico di una prolungata assenza; la centralizzazione dello spegnimento o l'autospegnimento delle luci quando viene riconosciuta l'assenza di utenti; la gestione completamente autonoma e automatica dell'illuminazione.

La moderna cucina domotica illustrata nell'immagine sopra è proposta da Arte Cucine Pedini.

Il controllo automatico o dal telefono

Un sistema domotico si completa solitamente attraverso uno o più sistemi di comunicazione con il mondo esterno, tra cui messaggi telefonici preregistrati, SMS, generazione automatica di pagine web o e-mail) per permetterne il controllo e la visualizzazione dello stato anche da remoto. Sistemi comunicativi di questo tipo, chiamati gateway o residential gateway svolgono la funzione di avanzati router, permettono la connessione di tutta la rete domestica al mondo esterno, e quindi alle reti di pubblico dominio.

L'allarme per porte e finestre

Il controllo in remoto dal telefono trova un ideale campo di applicazione in merito a un tema sempre più vitale: la sicurezza domestica. Grazie al dialogo con i vari apparati presenti in un ambiente e alla gestione intelligente attraverso interfacce di controllo (pc, touch-screen, tablet o smartphone), si può sempre tenere sotto controllo ogni ambiente domestico o di lavoro, anche quando ci si trova fisicamente lontani. L'integrazione del sistema di controllo con gli impianti antintrusione e gli strumenti di videosorveglianza permette di aumentare notevolmente il grado di protezione.

Il suono in ogni stanza

L'automazione non si limita agli aspetti funzionali dell'abitare ma può coinvolgere la sfera estetica in senso allargato,a tutti i sensi: primo fra tutti il suono. La domotica ci consente infatti di collegare, tramite appositi dispositivi, gli altoparlanti tradizionali ad apparecchi Android e iOS o a un qualsiasi lettore multimediale connesso alla rete. In più, questi range extender ampliano il raggio della rete Wi-Fi domestica. Disponendo una serie di casse in diversi ambienti, connessi a un impianto di rilevazione a infrarossi è inoltre possibile che il suono letteralmente ci segua per la casa, con un effetto davvero coinvolgente.

House 1: Camera da letto in stile In stile Country di Opera s.r.l.

Hai bisogno di aiuto con il progetto della tua casa? Contattaci!

Trova l’ispirazione giusta per la tua casa!