Cappotto Termico: Case in stile  di Tucommit

Eliminare Ponti Termici dall'Interno per Non Disperdere il Calore

Federica Marcucci – homify Federica Marcucci – homify

Richiedi preventivo

Il numero non è valido. Controllare per favore il codice del paese, il prefisso e il numero telefonico.
Facendo clic su 'Invia' confermo di aver letto Privacy e accetto che le mie informazioni siano elaborate per rispondere alle mie richieste.
Nota: puoi revocare il tuo consenso inviando un'email a privacy@homify.com
Loading admin actions …

Nel momento in cui si progetta un edificio è molto importante prestare attenzione a tutto quel che riguarda l’isolamento. Questi accorgimenti, presi in fase progettuale, saranno poi applicati nel corso dei lavori di costruzione per far sì che l’immobile possa essere in linea con gli standard qualitativi vigenti dal punto di vista termico.

Da un buon isolamento infatti non derivano soltanto benessere abitativo e calore, ma anche riduzione degli sprechi di energia e di inquinamento. Ma come è possibile ottenere il massimo comfort da un edificio? I migliori architetti sanno bene che l’ottimizzazione del calore è possibile tenendo sotto controllo due fattori molto importanti: la temperatura e l’umidità.

Se l’immobile è correttamente isolato non si riscontreranno problemi; cosa che invece si manifesterà se l’edificio non gode di un isolamento ottimale. In quest’ultimo caso verranno a crearsi i cosiddetti ponti termici: delle zone della costruzione contraddistinte da un comportamento diverso di temperatura e umidità che, a sua volta, si ripercuote sui campi termici di scambio.

È possibile eliminare i ponti termici dall’interno per evitare inutili dispersioni di calore? La risposta non è sempre univoca, tuttavia oggi esistono molte tecniche per rivestire correttamente edifici che, in fase progettuale e costruttiva, non erano stati isolati a dovere. In questo ideabook scoprirete meglio che cosa sono i ponti termici e come è possibile attuare la loro eliminazione. Date un’occhiata!

Che cos’è un ponte termico

Termografie in edilizia:  in stile  di Luca Mingardi Ingegnere
Luca Mingardi Ingegnere

Termografie in edilizia

Luca Mingardi Ingegnere

Come abbiamo già accennato nell’introduzione, i ponti termici sono delle zone di un edificio in cui, quest’ultimo, non risulta essere correttamente isolato. Questo comporta una notevole dispersione di calore che, a sua volta, si ripercuote anche in modo negativo sull’ambiente.

Solitamente i ponti termici vengono a crearsi o in senso perpendicolare rispetto agli elementi dell’edificio, esattamente come nell’immagine, oppure in prossimità degli angoli. Questo perché l’incrocio tra due muri non ben isolati fa sì che ci sia uno scambio di energia, con conseguente dispersione di calore. Eliminare i ponti termici dall'interno o adeguarne la capacità dispersiva è possibile, tuttavia è molto importante rivolgersi a professionisti del settore capaci di riconoscere le diverse tipologie di ponte e attuare per ognuna di esse la soluzione più ottimale.

I ponti termici costruttivi

Termografie in edilizia:  in stile  di Luca Mingardi Ingegnere
Luca Mingardi Ingegnere

Termografie in edilizia

Luca Mingardi Ingegnere

Solitamente vengono individuate due tipologie principali di ponte termico. Una di queste riguarda i ponti termici costruttivi, di cui l’immagine ci presenta un chiaro esempio. Che cosa caratterizza i ponti termici costruttivi? Come dice la locuzione stessa, il problema in questo caso non riguarda una microparte dalla costruzione, ma al contrario di una porzione più ampia. In questo senso un prototipo classico di ponte termico costruttivo potrebbe essere la facciata di un edificio in cui vi è una forte discontinuità tra elementi architettonici e strutturali e quelli della tamponatura. Questo dà origine a una forte dispersione di calore che si avverte maggiormente in prossimità degli infissi.

I ponti termici geometrici

Termografie in edilizia:  in stile  di Luca Mingardi Ingegnere
Luca Mingardi Ingegnere

Termografie in edilizia

Luca Mingardi Ingegnere

Dopo aver visto i ponti termici costruttivi, guardiamo da vicino l’altra tipologia: i ponti termici geometrici. In questo caso la dispersione di calore è dovuta a una microporzione della struttura che, molto spesso, riguarda angoli e interconnessioni: esattamente come potete vedere dall’immagine. Questa problematica è dovuta a una sorta di “difetto insito” dell’angolo: spesso messo a punto con materiali diversi e soluzioni costruttive non omogenee.

Come evitare la dispersione di calore

Cappotto Termico: Case in stile  di Tucommit
Tucommit

Cappotto Termico

Tucommit

Come abbiamo detto eliminare i ponti termici dall'interno è grossomodo possibile. Tuttavia, prima di rinforzare la struttura stessa, crediamo che sia molto importante investire in modo mirato e ragionato su altri dispositivi che sono in grado di attenuare il potere del ponte termico. In particolare vi consigliamo di sostituire serramenti vecchi con altri nuovi, dal maggiore potere isolante, e coadiuvati da un buon vetro termoisolante. Un altro accorgimento può essere anche quello di inserire delle guarnizioni funzionali sugli infissi. Ovviamente non si tratta di soluzioni univoche per tutte le casistiche: ogni struttura architettonica rappresenta un caso a sé. Vi consigliamo di prendere questi suggerimenti come punto di partenza per comprendere un’eventuale problema per poi rivolgersi a professionisti del settore.

Il cappotto termico

Cappotto Termico: Pareti in stile  di Tucommit
Tucommit

Cappotto Termico

Tucommit

Una delle strategie più utilizzate per eliminare i ponti termici è sicuramente quella che prevede l’installazione di un cappotto termico, come quello mostrato in figura. Cerchiamo di capire insieme di che cosa si tratta. Esattamente come lascia intuire la parola stessa il cappotto termico nasce per avvolgere la struttura, mettendo a punto una copertura (composta da più strati) che dovrebbe garantire un buon isolamento. Solitamente il cappotto termico è realizzato in materiali coibentati, dal forte potere isolante. Grazie alla sua particolare struttura “a pannelli”, il cappotto può essere applicato sia a edifici già esistenti, sia a quelli di nuova costruzione. L’applicazione della struttura avviene tramite particolari collanti e materiali che aumentano la capacità isolante del cappotto termico.

Eliminazione o attenuazione dei ponti termici

Cappotto Termico: Case in stile  di Tucommit
Tucommit

Cappotto Termico

Tucommit

Concludiamo questo ideabook partendo dalla nostra domanda iniziale: è possibile eliminare i ponti termici dall'interno? Come abbiamo già visto, la realizzazione del cappotto termico può variare a seconda dell’edificio stesso, così come le sue performance. È infatti importante sapere che, il cappotto termico può sì aiutare moltissimo nella gestione della problematica dei ponti termici, ma non è sempre detta che sia sempre in grado di risolvere la questione delle perdite di calore. In ogni caso, a seconda della struttura, è sempre possibile mettere a punto soluzioni innovative e personalizzate che, qualora non possano porre fine al problema in modo definitivo, sono sicuramente in grado di arginarlo in senso ottimale.

House 1: Camera da letto in stile  di Opera s.r.l.

Hai bisogno di aiuto con il progetto della tua casa? Contattaci!

Trova l’ispirazione giusta per la tua casa!