Cucina moderna: Cucina in stile  di Fab Arredamenti su Misura

Bonus Mobili 2019: Come Funzione e Requisiti

Sabrina De Prisco – homify Sabrina De Prisco – homify
Google+

Richiedi preventivo

Il numero non è valido. Controllare per favore il codice del paese, il prefisso e il numero telefonico.
Facendo clic su 'Invia' confermo di aver letto Privacy e accetto che le mie informazioni siano elaborate per rispondere alle mie richieste.
Nota: puoi revocare il tuo consenso inviando un'email a privacy@homify.com
Loading admin actions …

Con la nuova Legge di Bilancio 2019 sono stati confermati i Bonus per l’acquisto dei mobili ed elettrodomestici per l’arredamento di casa: ma cos'è e quando si applica?

Andiamo a vedere insieme, più nel dettaglio, di cosa si tratta e proviamo a rispondere alle domande più comuni dei contribuenti per capire chi ne ha diritto e come fare per averlo.

Risponderemo in questo Libro delle Idee a domande quali:

  1. Come si può usufruire del Bonus?
  2. A chi spetta?
  3. Cosa fare per averlo?

Proveremo a rispondere a queste e ad altre curiosità in modo da essere il più chiari possibili per chi è in procinto di fare una ristrutturazione e quindi di rivedere l’arredamento di casa o chi l’ha già fatto nel 2018.

Cos'è il Bonus Mobili 2019?

Table de chevet/table de chevet Mid Century modern scandinave Console avec tiroirs en bois massif avec des jambes de bois/acier antiques: Soggiorno in stile  di Ebanisteria Cavallaro
Ebanisteria Cavallaro

Table de chevet/table de chevet Mid Century modern scandinave Console avec tiroirs en bois massif avec des jambes de bois/acier antiques

Ebanisteria Cavallaro

Il Bonus Mobili 2019 è incluso nella manovra economica che prevede il rinnovamento di alcune agevolazioni fiscali nella recente Legge di Bilancio 2019.

Il Bonus Mobili 2019, già previsto nella precedente Legge di Bilancio 2018, è uno sconto che viene destinato ai contribuenti che hanno appena ristrutturato casa e sono in procinto di acquistare nuovi mobili per arredare la casa appena acquistata o ristrutturata.

Nella Legge di Bilancio 2019, oltre al Bonus Mobili, sono inclusi anche il Bonus Elettrodomestici, il Bonus Ristrutturazione e l'Ecobonus, relativo all'acquisto o sostituzione di caldaie e porte, infissi e finestre.

E’ escluso dalla Legge di Bilancio 2019, relativamente ai bonus casa, il bonus mobili per le giovani coppie, che prevedeva un’agevolazione fiscale sia per i lavori edili sia per l’acquisto di mobili, arredi ed elettrodomestici.

Il Bonus Mobili 2019, in sostanza, prevede questo beneficio per chi ha fatto lavori di ristrutturazione nel 2018 e che successivamente ha acquistato dei mobili per arredare casa. La conditio sine qua non infatti per ricevere il Bonus Mobili 2019 è aver fatto precedentemente, nel 2018, lavori di ristrutturazione nell'immobile di proprietà.

Il Bonus Mobili 2019 non verrà erogato in assenza di lavori di ristrutturazione.

I lavori di ristrutturazioni effettuati nel 2018 soggetti all'agevolazione fiscale sono relativi a:

  • lavori di manutenzione ordinaria o straordinaria
  • lavori di restauro o risanamento conservativo
  • lavori di ristrutturazione edilizia o di ricostruzione

Per ricevere il Bonus Mobili, i suddetti lavori di ristrutturazione non devono necessariamente riguardare l’ambiente dove si intende posizionare i mobili o gli elettrodomestici per i quali si chiede poi l’agevolazione, ma anche ambienti differenti.

Come funziona il Bonus Mobili 2019?

Mobili fatti su misura per soggiorno moderno con zona pranzo integrata: Sala da pranzo in stile  di Semprelegno
Semprelegno

Mobili fatti su misura per soggiorno moderno con zona pranzo integrata

Semprelegno

Per usufruire del Bonus Mobili 2019, bisogna aver fatto dei lavori di ristrutturazione nell'anno 2018 agevolabili con il bonus ristrutturazione.

Conseguentemente bisogna aver acquistato dei mobili per arredare casa e conservare tutte le fatture e gli scontrini che dovrò presentare all'Agenzia delle Entrate contestualmente alla compilazione annuale della Dichiarazione dei Redditi.

Grazie al Bonus Mobili 2019, lo Stato rimborsa fino al 50% della cifra sborsata per l’acquisto dei mobili e dell’arredamento in generale, suddivisi in 10 anni.

Presentando infatti le fatture e gli scontrini del totale spesa, la restituzione del 50% non avviene one shot, ma sarà suddivisa in 10 rate per una spesa massima di 10.000 euro.

Quindi per chi ha diritto al Bonus Mobili deve accuratamente conservare la documentazione degli acquisti fatti, da presentare all'Agenzia delle Entrate annualmente con la compilazione del 730, quindi della Dichiarazione dei Redditi.

Bonus Mobili 2019: come usufruirne

Per far sì che si applichi il Bonus Mobili 2019, l’acquisto

dei mobili va effettuato esclusivamente attraverso:

  • un bonifico parlante;
  • un bonifico bancario o postale ordinario;
  • carte di credito o di debito.

il pagamento non deve essere effettuato attraverso assegni bancari, contanti o altri mezzi di pagamento diversi da quelli sopra citati.

Quando si parla di acquisto dei mobili s’intende una certa tipologia di mobili per l’arredamento. Sono infatti inclusi nell'ambito del Bonus Mobili 2019 i seguenti elementi di arredo:

  • mobili;
  • grandi elettrodomestici, di classe energetica non inferiore alla A;
  • arredi come letti, armadi, librerie, scrivanie, materassi, poltrone, divani, letti e anche l’illuminazione quando questa determina il completamento dell’arredo domestico.

Sono esclusi dal Bonus Mobili 2019:

  • i tendaggi;
  • i tappeti;
  • le porte;
  • i pavimenti.

Per l’agevolazione sugli elettrodomestici va ricordato che questi devono essere necessariamente a risparmio energetico e che quindi devono appartenere alle seguenti classi:

  • A+ o superiore
  • A o superiori, nel caso dei forni

Rientrano tra gli elettrodomestici oggetto di agevolazione fiscale i seguenti:

  • frigoriferi e congelatori;
  • lavatrici e asciugatrici;
  • lavastoviglie;
  • apparecchi di cottura, forni e piastre riscaldanti elettriche.

Inoltre sono da considerarsi incluse nelle spese assoggettabili al Bonus Mobili ed elettrodomestici 2019 anche quelle relative al trasporto e montaggio.

Riepilogo documenti da presentare per il Bonus Mobili 2019

Per usufruire del Bonus Mobili 2019, bisogna conservare per 10 anni i seguenti documenti che vanno poi presentati all'Agenzia delle Entrate al momento in cui si consegna annualmente il 730:

  1. le fatture delle spese effettuate per l’acquisto degli elementi d’arredo che rientrano nel paniere del Bonus
  2. ricevuta di pagamento effettuato secondo i metodi sopra indicati: bonifico, carta di credito o di debito
  3. dichiarazione di ristrutturazione precedentemente effettuata, o un atto comunale ufficiale che attesti l’inizio dei lavori di ristrutturazione con in evidenza la dati di inizio lavori, in modo che siano confermati i requisiti di base per usufruire del bonus.

Con queste piccole agevolazioni, cambiare o ristrutturare casa e farla su misura dei nostri sogni sarà possibile con un occhio di riguardo alle nostre tasche.

House 1: Camera da letto in stile  di Opera s.r.l.

Hai bisogno di aiuto con il progetto della tua casa? Contattaci!

Trova l’ispirazione giusta per la tua casa!