TETTO IN LEGNO, PIETRA E MATTONI A VISTA: Casa unifamiliare in stile  di silvestri architettura

Tetti in Legno: Che Cos'è un Tetto a Falde

Alberti Laura Anna Maria Alberti Laura Anna Maria
Loading admin actions …

Sono antichissime, le origini del tetto. La loro storia nasce insieme a quella dell'uomo: già in tempi antichissimi, gli esseri umani si ingegnarono per dare una copertura alle loro case, per proteggerle dalle intemperie e dalle incursioni degli animali. Oggi, una buona copertura del tetto contribuisce all'isolamento termico e acustico dell'edificio, protegge dagli eventi atmosferici, smaltisce le acque seguenti alle perturbazioni, può diventare abitazione (è il caso delle mansarde) e – in molti casi – è sede di pannelli fotovoltaici e solari.

Tra le varie tipologie di tetto attualmente impiegate, troviamo i tetti in legno. E in particolare i tetti a falde, i più frequenti quando si parla di case. Ma come vengono realizzati, e quali sono i loro vantaggi?

Che cos'è un tetto a falde

Tra le coperture in legno, il tetto a falde è la tipologia più diffusa e la più proposta dagli architetti. Le falde (dette anche pioventi) sono facce piane inclinate che, unendosi tra loro, danno vita alla copertura del tetto. 

A caratterizzare questa particolare tipologia di tetti in legno, sono fondamentalmente quattro elementi: la linea di colmo, che è la linea orizzontale di massima quota e che si origina dall'intersezione tra due falde inclinate del tetto; la linea di gronda, ovvero sia la linea orizzontale di minima quota che si ottiene dall'intersezione tra le falde inclinate e il piano d'imposta del tetto; la linea di displuvio (intersezione inclinata di due falde ad angolo convesso) e la linea di compluvio (intersezione inclinata di due falde ad angolo concavo).

La struttura portante di un tetto a falde? Può essere realizzata in diversi modi: con capriata e profilati in acciaio, con orditura in legno strutturale, con capriata e pannelli di calcestruzzo armato precompresso, oppure con solai in calcestruzzo armato.

Le diverse tipologie di tetto a falde

TETTO IN LEGNO, PIETRA E MATTONI A VISTA: Casa unifamiliare in stile  di silvestri architettura
silvestri architettura

TETTO IN LEGNO, PIETRA E MATTONI A VISTA

silvestri architettura

Così come esistono numerose tipologie di tetti in legno, esistono numerose tipologie anche di tetto a falde. L'architettura contemporanea utilizzata molto i tetti a falda unica, i più diffusi sono quelli a quattro falde (o a padiglione), mentre i più antichi sono a due falde (o a capanna). Una distinzione, questa, che vale per gli edifici a pianta rettangolare.

Se l'abitazione ha invece una pianta articolata, ecco che le alternative per una buona copertura del tetto si fanno più complesse: ci sono i tetti a mansarda, con l'ambiente ad essi sottostante reso abitabile dall'inserimento di finestre nella falda più inclinata; ci sono i tetti a falde tradizionali con pendenza multipla, che sono estremamente eleganti e costosi in quanto realizzati in ardesia o con tegole canadesi; e ci sono le coperture in legno a falde con doppia inclinazione, con falde molto inclinate che si incontrano nella parte inferiore, e con un breve tratto di falda a minore pendenza.

I materiali di un tetto a falde

Tetto in legno finito: Soggiorno in stile in stile Rustico di B.Mid
B.Mid

Tetto in legno finito

B.Mid

Se la struttura di un tetto a falde viene realizzata in legno, per il suo manto di copertura possono essere utilizzati diversi materiali. I più usati, in quanto garanzia di lunga durata, sono il cemento e il laterizio. Ma si possono utilizzare anche la lamiera (diffusa soprattutto per gli edifici industriali, e vantaggiosa in termini di durevolezza e di efficienza energetica), le tegole bituminose (adatte a falde di grandi dimensioni, economiche e facili da posare ma dall'aspetto poco attraente e la scarsa efficienza energetica) e le tegole in legno che, utilizzate soprattutto nel Nord Europa, hanno una resa estetica straordinaria ma richiedono una minuziosa manutenzione.

Tetto a falde: i vantaggi

Quando si acquista una casa o la si ristruttura, il tetto è uno degli elementi fondamentali a cui pensare. Come si arriva dunque a decidere per un tetto a falde? Quali vantaggi rappresenta questa scelta?

Il tetto a falde – nella fattispecie, il tetto a falde ventilato – è concepito per fornire prestazioni tecniche ottimali sia durante i mesi più caldi che nei mesi freddi. La pendenza (che di norma deve superare i 10°) e lo strato di ventilazione permettono infatti al vapore acqueo di diffondersi in modo adeguato, annullando il rischio di condense interstiziali, mentre d'estate un tetto a falde protegge dal surriscaldamento molto più di quanto sia in grado di fare una copertura del tetto piana.

Infine, pendenza e ventilazione garantiscono al tetto una maggiore durata, evitano la formazione dell'umidità e sono oggetto di una manutenzione ridotta.

Tetto a falde: la scelta delle tegole

Tra tutti i possibili materiali per la copertura di un tetto a falde, una menzione particolare la meritano le tegole: sono infatti proprio loro a ridurre molti dei rischi che la scelta di un altro materiale, ad esempio la lamiera, comportano. Con le tegole si evitano i rischi di condensa sotto manto, si ottiene un migliore isolamento acustico, si contrasta l'inquinamento che – nelle grandi città – nasce dalla combinazione tra l'acqua piovana presente sulla lamiera e l'anidride solforosa.

Grazie al'impiego di sistemi prefabbricati, la realizzazione e la posa di un tetto a falde sono oggi molto più semplici: le tempistiche e i costi sono molto ridotti, rispetto a quelli richiesti da una copertura piana. Senza contare il minore impatto ambientale, dovuto all'impiego del legno come materiale strutturale.

House 1: Camera da letto in stile In stile Country di Opera s.r.l.

Hai bisogno di aiuto con il progetto della tua casa? Contattaci!

Richiedi tuo preventivo gratis

Trova l’ispirazione giusta per la tua casa!