Lavabo:  in stile  di Aulaquattro

Riparare un Rubinetto che Perde Facilmente

Claudia Adamo – homify Claudia Adamo – homify
Loading admin actions …

Uno degli inconvenienti che capitano più comunemente in casa, ma anche uno dei più semplici da risolvere, è il classico rubinetto che perde: in bagno o in cucina, per quanto si cerchi di stringere per bene la manopola, prima o poi si arriverà al punto di chiamare un idraulico per far sì che intervenga per riparare il danno, un lavoro che inevitabilmente dovremo pagare.

Niente paura! Questo articolo spiegherà come è possibile riparare un rubinetto che perde senza chiamare l'idraulico e quindi affrontare un'ulteriore spesa, ma contando su arnesi giusti, buona volontà e manualità. Se ci si affida alle proprie mani è possibile provare l'appagante sensazione di riuscire a risolvere i problemi senza spendere soldi e in tal caso, a evitare che un bene tanto prezioso, seppur abbondante, come l'acqua non vada in alcun modo sprecato per colpa di negligenza e incuria.

Prima di tutto, nella maggior parte dei casi quando un rubinetto perde acqua è colpa della famigerata guarnizione oramai consumata e destinata alla sostituzione. Scopriamo come intervenire in maniera appropriata per riparare un rubinetto che perde.

Come intervenire quando il rubinetto perde acqua?

Bagno Principale: Bagno in stile in stile Moderno di redesign lab
redesign lab

Bagno Principale

redesign lab

Partiamo subito parlando della riparazione del rubinetto miscelatore a disco ceramico, noto anche per essere uno dei rubinetti che non necessita di una particolare manutenzione: quando il miscelatore rubinetto perde acqua, bisogna direttamente sostituire la cartuccia del miscelatore, collocata all'interno del corpo del rubinetto. Prima di procedere, comunque, è opportuno controllare che non sia eventualmente danneggiata la gomma della guarnizione rubinetto, situata alla base della cartuccia miscelatore, poiché la guarnizione usurata potrebbe essere anch'essa causa del rubinetto che perde. Ecco i passaggi:

- assicurarsi di aver chiuso le chiavi di arresto dell’acqua a monte del contatore

- rimuovere il bullone dal corpo del rubinetto, svitarlo in senso antiorario servendosi di una chiave inglese o della classica chiave a pappagallo. Si possono comprare guarnizioni e stoppa idraulica in qualsiasi negozio di ferramenta, fai da te o specializzato in attrezzatura termoidraulica. 

- sfilare la cartuccia miscelatore, controllare attentamente che non sia sporca o danneggiata in qualche sua parte. Molto spesso è sufficiente rimuovere lo sporco dal disco di ceramica, ma ovviamente se è presente una lesione o oddirittura si presenta rotto, non rimane che procedere con una completa sostituzione cartuccia miscelatore. 

E' importante non dimenticare di visionare anche la guarnizione rubinetto, ossia il gommino circolare collocato alla base della cartuccia miscelatore: se la guarnizione è sporca o deteriorata, è questa la causa del rubinetto miscelatore che perde, per cui, se necessario, procedere con la sostituzione della guarnizione rubinetto con un nuovo gommino.

Lavabo: Bagno in stile in stile Moderno di Aulaquattro

Sostituzione delle guarnizioni O-ring

SADE 2: Bagno in stile in stile Moderno di tac srl
tac srl

SADE 2

tac srl

Ogni rubinetto possiede un miscelatore, dal quale fuoriesce l'acqua. Il miscelatore è dotato di una guarnizione, ma attualmente al posto della guarnizione del premistoppa usata ancora per alcuni tipi di rubinetto, troviamo una sostituta in gomma del tipo detto O-ring, ossia guarnizione ad anello, che assicura la tenuta dei rubinetti miscelatori più moderni. 

Dopo aver rimosso il cappuccio, si toglie il fermaglio circolare, quindi si rimuove lo stelo e si fa scivolare il vecchio O-ring fuori dalla sua scanalatura. Si sostituisce la guarnizione O-ring con una nuova, adoperando del silicone come lubrificante che fungerà anche da membrana sigillante, una volta asciugato. A questo punto si può assemblare nuovamente il rubinetto miscelatore e controllare che non vi sia più alcuna perdita d'acqua.

Il gommino presente nel miscelatore caratterizza tutti i tipi di rubinetto, da quello della cucina a quello della doccia in bagno e di conseguenza, può accadere in qualsiasi momento di doverlo sostituire.

Rubinetto da cucina

Anche per quanto riguarda la riparazione di un classico rubinetto da cucina, occorre disporre degli attrezzi giusti: cacciaviti, chiavi inglesi, della stoppa e, ovviamente, la guarnizione di ricambio, reperibile presso una qualsiasi ferramenta attrezzata o nei negozi specializzati di termoidraulica. Iniziare con lo smontare il rubinetto il rubinetto, prestando attenzione a tutte le fasi, affinché il rischio di danneggiare in maniera irreparabile qualche pezzo importante della rubinetteria, venga evitato. 

- Si inizia dalla manopola, fissata con una vite, che può essere ben visibile oppure leggermente nascosta sotto una borchia di copertura a pressione, facilmente rimovibile con la punta di un cacciavite a taglio. 

- Rimossa la vite, la manopola dovrebbe sfilarsi agevolmente e proseguire con lo smontaggio dei pezzi presenti all'interno del gruppo rubinetteria da parete a due vie.

- Se i l'acqua calda e quella fredda hanno i rispettivi rubinetti, occorre rimuovere la ghiera cromata; quest'ultima si potrebbe svitare a mano, senza nessun tipo di chiave o pinza, ma molto spesso risulta essere incrostata di calcare e quindi bloccata; pertanto, si deve far uso di una chiave a pappagallo per svitarla, frapponendo un panno morbido tra la chiave e la ghiera al fine di non rigarla.

- Una volta svitata, la ghiera verrà sfilata dall'alto lasciando finalmente libero il corpo del rubinetto, rivelando così i pezzi più interni, tra cui due zone a bullone, una più piccola da cui spunta il perno del rubinetto, posta in alto e facilmente raggiungibile, e un'altra, più in basso, sulla quale bisogna agire con la chiave inglese per svitare il pezzo in questione.

- Ora sarà possibile svitare, con la chiave inglese opportunamente registrata, il dado inferiore. Prima di eseguire l'operazione, però, bisogna accertarsi che il rubinetto sia completamente aperto, appoggiando nuovamente la manopola sul perno e girandola in senso antiorario fino a fine corsa.

Dopo aver svolto questo lavoro di rimozione, bisogna verificare il suo corretto funzionamento controllando che il piccolo pistone di chiusura si alzi e si abbassi, consentendo al gommino montato sulla sommità del pistoncino, di andare a premere sul fondo del rubinetto, bloccando così il flusso dell'acqua. 

Nel procedimento di rimontaggio della rubinetteria, è indispensabile aver cura di avvolgere con un po' di stoppa bagnata o del nastro di teflon gli elementi filettati del corpo del rubinetto, prima di riavvitarlo in sede. Infine, prima di riaprire la chiave generale dell'acqua, per evitare che l'acqua esca alla massima pressione, bisogna ricordarsi di richiudere il rubinetto che era stato lasciato in posizione di massima apertura. A questo punto, resta solo da controllare che il gruppo rubinetteria da parete non perda più. 

House 1: Camera da letto in stile In stile Country di Opera s.r.l.

Hai bisogno di aiuto con il progetto della tua casa? Contattaci!

Trova l’ispirazione giusta per la tua casa!