Vernice per Piastrelle: Cambiare Look in Casa con Poco | homify

Richiedi preventivo

Il numero non è valido. Controllare per favore il codice del paese, il prefisso e il numero telefonico.
Facendo clic su 'Invia' confermo di aver letto Privacy e accetto che le mie informazioni siano elaborate per rispondere alle mie richieste.
Nota: puoi revocare il tuo consenso inviando un'email a privacy@homify.com

Vernice per Piastrelle: Cambiare Look in Casa con Poco

Claudia Adamo – homify Claudia Adamo – homify
Bagno moderno di homify Moderno
Loading admin actions …

Quando si acquista casa si rimandano tanti piccoli lavoretti che andrebbero fatti perché non si ha più voglia di avere gli operai in casa, per ragioni economiche o per mancanza di tempo a disposizione. Tutto è soggetto a usura, anche le piastrelle, che siano del bagno, della cucina o che costituiscono il pavimento, questi elementi possono incorrere in graffi che opacizzano la superficie, ma anche in vere e proprie scheggiature.

Le ragioni che possono spingere le persone a cambiare le piastrelle in uno o più ambienti di casa possono essere dettate anche dalla voglia di cambiamento, di conferire a quello spazio specifico un look diverso, che spezzi la monotonia imperante sino a quel momento. 

Quali siano le motivazioni, esiste un modo per trasformare le piastrelle di casa in maniera facile e veloce: la vernice per piastrelle. Questa pittura specifica è acquistabile nei negozi di ferramenta a prezzi convenienti e consente di realizzare un lavoro di verniciatura con le proprie mani, senza ricorrere all'aiuto di un esperto, che ovviamente andrebbe pagato per il suo tempo e la professionalità maturata. Ovviamente, se si è molto impegnati o non si ha tempo da dedicare al fai da te, nessuno vieta di rivolgersi ad un esperto che farà il lavoro al posto nostro.

Vernice per piastrelle: l'utilità dello smalto

Piastrelle a mosaico Bagno moderno di Facile Ristrutturare Moderno
Facile Ristrutturare

Piastrelle a mosaico

Facile Ristrutturare

Lo smalto è una miscela in grado di conferire brillantezza alle superfici sulle quali è applicato, quando queste risultano oramai opache per via dell'usura. Questo tipo di vernice per piastrelle può essere utilizzato anche da neutro (privo di colorazione) quando non si ha alcuna intenzione di cambiare il loro colore, ma lo si vuole soltanto riportare allo stato originario e quindi brillante. Per quanto concerne i colori, si può optare per una tonalità simile alla precedente oppure completamente differente per un cambio look più deciso.

Lo smalto come vernice per piastrelle, garantisce inoltre la massima copertura e l’impermeabilità; non cola, non va diluito, non serve una base, ma si distribuisce direttamente sulle mattonelle. Inoltre, si asciuga in fretta, facendo attendere un'ora al tatto e 24 ore tra un’applicazione e quella successiva: di fatti, consigliamo di ricoprire le piastrelle con due passate di prodotto per far sì che il colore sia uniforme, senza striature eventuali e più intenso. La maggior parte degli smalti presenti in commercio consente di eliminare qualsiasi macchia con un semplice detergente e un panno.

Esistono anche smalti per piastrelle in grès, in ceramica, ma anche quelli specifici per sanitari e l’interno della doccia che aderiscono perfettamente alla superficie da trattare, facendo ritornare la brillantezza dei materiali appena acquistati. L’applicazione, che anche in questo caso, può essere fai da te, ma va fatta necessariamente su piani precedentemente puliti, sgrassati e privati da residui di sporco, specialmente calcare, che tendono a  formarsi con facilità specialmente nel locali che ospitano l’acqua, come la cucina e il bagno.

Per donare luce ai pavimenti in ceramica è sufficiente stendere in maniera uniforme lo smalto lungo tutta la superficie, preferibilmente con un rullo per rendere il lavoro più facile e veloce.Se invece si vogliono smaltare le ceramiche a parete , meglio usare un pennello e alternare le passate, dall’alto al basso. Per una riuscita ottimale, si consiglia di passare due volte il prodotto e farlo asciugare secondo le indicazioni riportate sulla confezione.

Infine, come non ricordare lo smalto rinnovatore per ceramiche, utilizzabile direttamente laddove serve, senza base, studiato per migliorare l’aspetto di piastrelle e ceramiche.

Smalti e vernici per piastrelle: anche per il pavimento!

Bagno moderno di homify Moderno

Come si evince dal titolo del paragrafo, esistono smalti specifici smalti specifici pensati per essere utilizzati sui pavimenti, sia interni che esterni. Queste colorazioni a base di smalto hanno come obiettivo quello di andare a trattare il pavimento perché risulti protetto, impermeabile e resistente (ai raggi solari, sbalzi climatici e di temperatura se si tratta di pavimentazioni esterne). Questo prodotto può essere applicato su pavimenti stratificati, direttamente sul cemento, sul calcestruzzo, magari nei locali di servizio come garage, nel ripostiglio o in cantina; ancora, è fantastico per sistemare esteticamente tutti quegli spazi di casa soggetti a calpestii, graffi, calpestio, umidità, ma anche possibili formazioni di muffa. Il locale così trattato e verniciato sarà più pulito e ordinato.

La cosa importante è seguire le modalità d'applicazione riportate sulla confezione, che variano a seconda del tipo di superficie da trattare e dal materiale delle mattonelle. E' inutile dire che prima di stendere la vernice per piastrelle, bisogna assicurarsi che l'intera superficie interessata sia pulita per far si che lo smalto aderisca alla perfezione, garantendo un risultato impeccabile. In linea di massima, sono necessarie due passate di vernice per piastrelle, ma quando si tratta di superfici porose, o che si trovano esternamente o ancora, soggette a ripetuti calpestii, è opportuno stendere un'ulteriore mano di vernice.

Le resine, invece, sono rivestimenti di spessore maggiore (1-3 mm) rispetto alla normale vernice per piastrelle o allo smalto, che consentono di riempire perfettamente le fughe, creando superfici continue. Si possono usare sia in verticale che in orizzontale, sono assolutamente idrorepellenti e, in aggiunta, molto più resistenti all'abrasione. Si possono tranquillamente usare per ricoprire il pavimento, anche nei punti soggetti a calpestio intenso. 

La terza opzione è il microtopping o microcemento, ideale per la cucina in quanto resiste a temperature oltre i 100° C. 

Applicazione e tempi d'attesa

Per dipingere le piastrelle sia del pavimento che delle pareti, in cucina o nel bagno, bisogna prima assicurarsi che siano pulite, prive di polvere ed eventuali incrostazioni, usando abbondante acqua e detersivo per stoviglie, oppure metà dose d'acqua e metà di alcool etilico; successivamente unire il catalizzatore (cui eventualmente è stato aggiunto il pigmento colorante della tinta scelta) alla base e poi aggiungere la quantità d'acqua indicata dal produttore (per gli smalti idrosolubili). Passare prima le fughe con un pennello, per poi applicare la vernice alle piastrelle con un pennello di piccole dimensioni (5-10 cm), facendo attenzione a stendere la vernice a piccoli tratti. Attendere l'asciugatura e soltanto successivamente a questa, applicare la seconda mano e, una volta asciutta, l'eventuale top coat trasparente.

Per i pavimenti, la vernice per piastrelle si può stendere con un pratico rullo, in modo che sia uniforme in ogni angolo, ma anche per far sì che la stesura dello smalto sia facile e veloce. discorso diverso se parliamo di pareti piastrellate, sulle quali è opportuno stendere la colorazione con il classico pennello, dall'alto verso il basso in maniera alternata.  

cucina mediterraneo Cucina moderna di olivia Sciuto Moderno
olivia Sciuto

cucina mediterraneo

olivia Sciuto

Vernice per piastrelle: i costi

Bagno minimalista di homify Minimalista

Dipingere le mattonelle del bagno o della cucina fa risparmiare circa 10 euro/mq per la demolizione e lo smaltimento a discarica del rivestimento preesistente, mentre se si scelgono smalti lavabili idrorepellenti, il costo è di circa 8 euro al mq. Altro discorso invece per i rivestimenti in resina e microtopping, i cui costi si aggirano da un minimo di 20 euro per una resina di basso spessore sino agli 80/100 euro del microtopping; i costi elevati di questi ultimi sono dovuti alla loro durevolezza e all'eventualità di optare per decorazioni particolari.

Un consiglio sempre utile è quello di confrontare più preventivi, in maniera tale da capire i prezzi medi della zona e scartare subito le proposte fuori mercato; per applicare le resine o il microcemento è opportuno rivolgersi a operai con una formazione specifica, mentre più in generale, le ditte che si occupano tutto l’anno di questo genere di lavori possono essere più inclini a trattare sul prezzo perché ammortizzano i costi di formazione. 

House 1 Camera da letto rurale di Opera s.r.l. Rurale

Hai bisogno di aiuto con il progetto della tua casa?
Contattaci!

Trova l’ispirazione giusta per la tua casa!