Richiedi preventivo

Il numero non è valido. Controllare per favore il codice del paese, il prefisso e il numero telefonico.
Facendo clic su 'Invia' confermo di aver letto Privacy e accetto che le mie informazioni siano elaborate per rispondere alle mie richieste.
Nota: puoi revocare il tuo consenso inviando un'email a privacy@homify.com

All'ultimo piano si sogna meglio

Agnese D’Alfonso – homify Agnese D’Alfonso – homify
Loading admin actions …

Questo attico dell’interior designer Cristina Zanni è una vera sinfonia di texture, colori e materiali! Gli interni di questa residenza hanno un fortissimo potere espressivo e raccontano molto di chi la abita. Temi dominanti sono la fotografia d’autore, i libri, i viaggi e la musica. Tutto questo è sviluppato in modo eccellente in ogni ambiente della casa, da quelli principali a quelli di servizio. Nessun angolo è lasciato al caso, ogni oggetto è parte di una composizione molto ben studiata e non c’è spazio per punti morti, spazi bianchi o cali di stile, ogni singolo punto concorre alla finalità del progetto d’insieme: dare vita ad un concerto di immagini e messaggi perfettamente affiatati. Nonostante questa ricchezza di elementi, la luminosità della casa non risulta intaccata, anzi, gli ambienti, nella loro ampiezza, sono invasi dalla luce naturale e dei sobri tendaggi nei colori naturali e chiari permettono di controllare perfettamente questo prezioso elemento.

La zona giorno – parte 1

Tutta la residenza è estremamente preziosa, in ogni suo minimo dettaglio, ma il vero scrigno è senza dubbio il meraviglioso soggiorno. Qui troviamo pezzi di design di alto livello e capolavori di artigianato. Il divano Lago, sulle tonalità del grigio, sembra sollevato da terra, sui suoi raffinati supporti quasi invisibili.

La zona giorno – parte 2

Il camino di fronte ad esso, sormontato da una tela dalle tinte molto forti, ha un carattere quasi michelangiolesco, nei suoi volumi scabri, quasi grossolani, color lavagna. A completare la cornice conviviale dell’ambiente, una chaise longue, il cui colore dialoga perfettamente con quelli del camino e del divano, e un grande tavolo basso quadrato, sormontato da una scultura.

Angoli preziosi

L’impianto distributivo dell’appartamento è in stile anni Settanta, ovvero è presente l’elemento del corridoio. Anche a questo spazio è stata data grane importanza, arricchendolo di opere pittoriche, tra cui alcune dell’artista Leonardo Blanco. La logica applicata agli snodi distributivi vale anche per quelli strutturali: anche i pilastri diventano punti focali per l’esposizione, apparentemente quasi casuale, di piccole perle artistiche.

La camera padronale

La camera da letto è un intimo angolo pregiato, reso unico da tessuti preziosi e nuance avvolgenti. La parete di testata del letto è rivestita con una stupenda carta da parati color caffè con rifiniture oro, edizione limitata, con le luci spot maniglia di Renzo Serafini. Il mobile consolle è un pezzo vintage originale degli anni Cinquanta. Le tende garantiscono la giusta intimità a questo ambiente arricchito dalla presenza artistica, cara ai proprietari della residenza, che è esso stesso un’opera d’arte.

Il bagno padronale

bagno privato camera padronale: Bagno in stile  di cristina zanni designer
cristina zanni designer

bagno privato camera padronale

cristina zanni designer

Il bagno attiguo alla camera padronale rappresenta un capolavoro di artigianato. La porta è stata realizzata su misura. Il materiale che riveste pareti, pavimento, piatto doccia e mobile è malta opaca, lavorata a mano. L’ambiente è dominato dallo scenografico lampadario vintage, che con le sue gocce di vetro luminose, colpisce immediatamente.

Il bagno degli ospiti

Il bagno degli ospiti ha un impatto totalmente diverso. Tutto qui è molto più materico. I colori sono decisamente più intensi, la parete che accoglie lo specchio del lavabo è rivestita con una carta da parati che conferisce al muro un aspetto vissuto, donando intensità a tutto l’ambiente. Anche lo specchio è più d’impatto, rispetto a quello del bagno padronale, con le sue linee curve e baroccheggianti.

Lo studio

Infine lo studio. Questa stanza è frutto di scelte quanto mai audaci e altrettanto riuscite, d’altra parte gli ingredienti usati sono di estremo pregio: la scrivania è un pezzo di Carlo Scarpa del 1973 e dietro ad essa e alla relativa sedia, la libreria Joint in tubolare di acciaio, che custodisce preziosi ricordi e testimonianze di viaggio. Lo studio si affaccia sul terrazzo.

Cosa ne pensate di questo articolo? Lasciate un commento!
House 1: Camera da letto in stile  di Opera s.r.l.

Hai bisogno di aiuto con il progetto della tua casa? Contattaci!

Trova l’ispirazione giusta per la tua casa!