in stile  di Martins Lucena Arquitetos

Una zona giorno e la sua piccola sorpresa

Germana Invigorito Germana Invigorito
Google+

Richiedi preventivo

Il numero non è valido. Controllare per favore il codice del paese, il prefisso e il numero telefonico.
Facendo clic su 'Invia' confermo di aver letto Privacy e accetto che le mie informazioni siano elaborate per rispondere alle mie richieste.
Nota: puoi revocare il tuo consenso inviando un'email a privacy@homify.com
Loading admin actions …

Qui ad homify spesso ricordiamo che la bellezza non sta sempre nelle grandi progettazioni, quelle eclatanti e sorprendenti che lasciano tutti a bocca aperta, ma anche e soprattutto nei piccoli interventi capaci di cambiare la visione delle cose. Il nostro obiettivo principale, infatti, non è quello di far sognare i nostri lettori ad occhi aperti, ma di suggerire loro delle strategie, talvolta anche banali, che però sono capaci di dare quel tocco in più alla propria casa o addirittura di modificarne l’aspetto. Non tutti infatti si ritrovano con una fantastica villa indipendente, corredata di giardino, piscina e comfort vari, ed è per questo che presentare le proposte dei nostri migliori esperti spesso può essere illuminante. Oggi ad esempio, vi parleremo di un appartamento come tanti, piccolo e non molto luminoso, ma con un segreto interessante… andiamo a vedere di che si tratta!

Un soggiorno come tanti

A primo impatto potrebbe apparire come un soggiorno come tanti, dalle dimensioni contenute ma con un generoso affaccio verso l’esterno. Una grande vetrata scorrevole a doppio battente, infatti, conduce al terrazzino esterno, che si affaccia nel vuoto con un parapetto trasparente… molto suggestivo! In questo modo si è evitata ogni possibile interferenza di elementi che avrebbero ostacolato il  passaggio della luce verso l’interno. Ma cosa avrà mai di speciale questo ambiente?

Dalla piantina

Ci troviamo in Brasile, a João Pessoa, in un appartamento di 87,47 mq. I lavori sono stati seguiti dall’architetto brasiliano Martins Lucena, e hanno riguardato principalmente la zona giorno dell’appartamento. La cucina e la zona notte, invece, sono rimaste pressoché identiche alla loro strutturazione originale.

Dalla piantina possiamo notare che nonostante una metratura piuttosto comune, gli spazi sono stati ben suddivisi. Vi sono infatti: due ampie camere da letto; tre servizi vivibili, di cui uno in camera da letto; un’ampia cucina con zona pranzo; uno studio e un ampio salottino con area pranzo.

State pensando a dove sia nascosta la sorpresa, vero? Per ora preferiamo lasciarvi ancora un po’ sulle spine… ma se siete tanto curiosi, proseguiamo con le immagini e scopriamolo insieme!

Un piccolo living

Cambiamo prospettiva rispetto alla prima immagine, e rivolgiamo lo sguardo verso l’area pranzo e la porta d’ingresso. Lo spazio sembra ben suddiviso, razionale e grazioso. Il colore bianco alle pareti aiuta a far apparire la stanza più luminosa e ariosa di quanto non lo sia (un piccolo trucchetto fortemente utilizzato in casi come questo). Gli elementi decorativi sono semplici e poco appariscenti, ma non per questo non rilevanti. Gli elementi scuri conquistano il centro della stanza mentre nelle zone perimetrali si ricorre a tonalità chiare…

La sorpresa

Ebbene si, la prospettiva è la stessa, ma qualcosa è cambiato… di cosa si tratterà? Facciamoci caso. Il pannello vetrato che prima separava appena la zona pranzo con quella laterale, occupa adesso un’altra posizione. Se prima zona pranzo e studio erano collegati, infatti, adesso due pannelli scorrevoli li separano. Si tratta di una soluzione vincente qualora in casa vi siano ospiti ma qualcuno dovesse aver bisogno dei propri spazi e della propria privacy.

… multifunzione

Spostandoci ulteriormente, inoltre, notiamo che il pannello bianco che prima separava il corridoio dove trovano alloggio le quattro mensole e lo studio, ora non c’è più. Si tratta sempre di un elemento scorrevole che all’occorrenza può essere ritirato o fatto scorrere per separare o unire gli ambienti. I due pannelli in vetro, inoltre, possono completamente sovrapporsi e andare a coprire quella stessa parete con le mensole, lasciando lo studio completamente a vista. Ecco a voi un'idea per un soggiorno piccolo! Furbo, no?

Cosa ne pensate di questo trucchetto? Lasciate un commento e diteci la vostra.
House 1: Camera da letto in stile  di Opera s.r.l.

Hai bisogno di aiuto con il progetto della tua casa? Contattaci!

Trova l’ispirazione giusta per la tua casa!