JC's House: Case in stile  di BEARprogetti - Architetto Enrico Bellotti

Una grande ristrutturazione per uno spazio piccolo piccolo

Germana Invigorito Germana Invigorito
Google+

Richiedi preventivo

Il numero non è valido. Controllare per favore il codice del paese, il prefisso e il numero telefonico.
Facendo clic su 'Invia' confermo di aver letto Privacy e accetto che le mie informazioni siano elaborate per rispondere alle mie richieste.
Nota: puoi revocare il tuo consenso inviando un'email a privacy@homify.com
Loading admin actions …

C’è chi dice che in pochi metri quadrati è impossibile dare luogo a una vera casa. Spazi insufficienti e poca funzionalità, sono infatti le peggiori paure che si teme di dover affrontare in questi casi… per fortuna però c’è anche chi invece, con bravura e intelligenza, ci dimostra l’esatto contrario!

Qui ad homify spesso vi abbiamo presentato casi in cui in ambienti piccolissimi si è riuscito a ricreare un ambiente vivibile, ma il progetto che stiamo per scoprire oggi è davvero unico nel suo genere… vediamo perché!

Dall'esterno

Ci troviamo nel centro storico di Bormio, un comune lombardo nella provincia di Sondrio. Il paesino offre ancora degli scorci rimasti intatti col tempo, ed è proprio tra queste case antiche che sorge la costruzione di cui stiamo per parlarvi. Il progetto è opera dell’architetto Enrico Bellotti dello studio Bearprogetti, si divide in tre piani e si sviluppa a ridosso di un’altra palazzina.

Il piano superiore

Il piano superiore, l’ultimo, prende aria estendendosi al di sopra della struttura accanto, e sfruttando lo spazio a disposizione. Delizioso il rivestimento in legno, che dona alla casa un tocco leggermente rustico, quasi da baita di montagna, molto caratteristico e insolito.

Uno sguardo generale alle piantine

Ma diamo uno sguardo alle piantine. Come abbiamo già accennato, ogni piano non vanta una metratura propriamente generosa, la casa consiste infatti di 20 mq a piano.

L’accesso è situato in corrispondenza del piano terra, e apre l’ingresso alla cucina/sala da pranzo.

Una rampa di scale poi conduce al piano sotterraneo, dove troviamo la zona notte.

Infine, dalla cucina si accede al piano superiore dove si sviluppa l’ambiente più luminoso di tutti, il soggiorno.

Il piano terra: la cucina

Siamo al piano terra. L’atmosfera è molto suggestiva, e questo sicuramente a causa del soffitto lasciato grezzo e delle grandi e numerose finestre che aprono l’ambiente verso l’esterno. La cucina si sviluppa al centro della stanza, attraverso una grande isola ricca di contenitori e dotata di un grande piano di lavoro… niente lascia intendere le reali dimensioni della stanza…

… e angolo pranzo

A partire dall’isola, poi, si sviluppa il tavolo da pranzo, un elemento sottile servito da due sedie di design trasparenti, una scelta intelligente che da la sensazione di non ingombro fisico degli elementi. Al centro del tavolo piovono delle semplici lampadine rette da un filo nero… quel tocco in più che da quel non so che di industrial all’intero ambiente.

Il piano interrato: la camera da letto

Una semplice scala in ferro dalle linee essenziali conduce al piano inferiore, dove è custodita la zona notte. Per sfruttare quanto più spazio possibile, si è inserito un armadio e dei cassettoni sotto la scala, in questo modo infatti gli arredi ci sono ma si nascondono quasi. Dal lato opposto, di sotto di una grande finestra, si sviluppa la zona notte vera e propria. A lato del letto invece, troviamo una porta che conduce al bagno.

Le scale

Ma non poteva passare inosservato un elemento in particolare: la rampa di scale che conduce al soggiorno. Si tratta di un’elegantissima opera di artigianato, costituita da un nastro di metallo ripiegato su sé stesso che crea una sorta di motivo a zig zag. L’effetto è spettacolare, soprattutto se lo si osserva dall’alto. Una scala unica nel suo genere, capace di dare personalità e carattere all’intero progetto.

Il primo piano: il soggiorno

Eccoci infine nella stanza che più delle altre gode di un grande privilegio: la luce! La scelta è stata piuttosto ragionata, in quanto l’idea era quella di dedicare l’ambiente più luminoso alla stanza che più di tutte potesse ospitare gente, e dunque il soggiorno. Nonostante la semplicità dello stile e il numero esiguo di arredi, l’ambiente trasmette una forte vitalità, e ciò anche grazie ai colori vivaci e alla scelta stilistica giovanile e incisiva. Divertentissimo è infatti il divano fatto di pallet e le due sculture a forma di ciliegia che si trovano disposte ai piedi della parete.

Che ve ne pare di questo grande progetto di uno spazio piccolo piccolo? Lasciate un commento e diteci la vostra. 
House 1: Camera da letto in stile  di Opera s.r.l.

Hai bisogno di aiuto con il progetto della tua casa? Contattaci!

Trova l’ispirazione giusta per la tua casa!