Museo diocesano di molfetta musei in stile classico di fèrima architetti russo classico | homify
< >
Museo Diocesano di Molfetta Musei in stile classico di FèRiMa architetti russo Classico
< >
Museo Diocesano di Molfetta Musei in stile classico di FèRiMa architetti russo Classico
< >
Museo Diocesano di Molfetta Musei in stile classico di FèRiMa architetti russo Classico

L’obiettivo della Diocesi è quello di realizzare un Museo
Diocesano, ampliandolo nelle sale espositive, comprendendo anche la sala della biblioteca storica al primo piano e costituire la pinacoteca al secondo piano. L’ampliamento del museo Diocesano è organizzato su tre livelli. Questo ha comportato una rivisitazione degli spazi e della stessa organizzazione, seguendo nuovi criteri e funzioni che un museo deve avere.

Il progetto ha l’obiettivo di realizzare un museo adeguato alla visita, utilizzando la struttura esistente attraverso un restauro di adeguamento funzionale rispetto alle norme vigenti, ma anche l’inserimento di nuove tecnologie connesse ai servizi per il pubblico ed alla fruibilità dello stesso da parte di tutte le componenti umane che formano un domanda in campo turistico-culturale. E allo stesso tempo risponda alle funzioni proprie, quello della conoscenza della storia della cristianità e lo sviluppo della Chiesa nella Diocesi di Molfetta-Ruvo-Giovinazzo-Terlizzi e del raccoglimento ed approfondimento della stessa Fede. Nella vasta area esterna è stato realizzato il centro di accoglienza del visitatore e delle mostre temporanee, oltre che ad una postazione multimediale per condurre il visitatore ad una preparazione della visita espositiva. Al piano terra è prevista l’esposizione della sezione archeologica e del lapidarium e l’inizio dell’esposizione della storia del paramento liturgico; al primo piano è prevista la visita dell’attuale sala biblioteca e archivio storico della Diocesi; il lungo corridoio viene attrezzato per preparare il visitatore alla pinacoteca del secondo piano; al secondo piano è prevista la pinacoteca con una sezione dedicata a Corrado Giaquinto e ai giaquinteschi e una sala destinata al “tesoro”. I servizi sono stati predisposti in modo tale da non interferire con la visita museale. Il progetto quindi prevede opere di adeguamento funzionale relativo alle strutture e possono essere riassunti in tre ordini di interventi: il consolidamento e restauro dell’ intera parte del complesso destinato a museo; la realizzazione di un centro di accoglienza del visitatore al piano terra nel cortile; gli impianti tecnologici tradizionali e quelli ad alta tecnologia; ed infine l’allestimento museale.

Foto simili
Commenti