Casa A157 Studio DiDeA architetti associati Cucina minimalista
Casa A157 Studio DiDeA architetti associati Cucina minimalista
Casa A157 Studio DiDeA architetti associati Cucina minimalista

L’amore per il minimalismo giapponese insieme all’innata attitudine all’arte dell’ospitalità, è la lettura in controluce dell’ultimo progetto firmato dallo studio palermitano DiDeA.

Grazie ad una progettazione curata in ogni dettaglio, dai complementi agli elementi d’arredo, DiDeA ha realizzato un’abitazione capace di cambiare ed adattarsi ai diversi momenti della giornata.

Dopo l’ingresso, accoglie la zona living, che in unico grande open space abbraccia la cucina, la sala pranzo e il soggiorno.

Nella cucina domina l’isola, un grande corpo cromato nero, che ospita il piano cottura e piano di appoggio e di lavoro, mentre nella struttura a parete sono posizionati i lavelli a scomparsa e le scaffalature, che un articolato sistema di ante ne permette la comparsa quando necessario, sottolineando l’essenzialità dell’ambiente.

Il gioco degli spazi nascosti da ante filomuro ritorna in diversi punti della casa, con la doppia funzione di contenitori ed alloggio per le funzioni tecniche.

“Le velette del controsoffitto, per esempio, hanno la triplice funzione di emettere luce diffusa e l’aria climatizzata oltre ad ospitare il sistema per le tende” spiegano i progettisti.

L’apertura e la chiusura delle ante rompe volutamente la cromaticità fluida degli ambienti permettendo di inserire punti di colore forti.

La zona pranzo e il soggiorno, ben illuminati grazie alle grandi vetrate che diventano porte finestre con affaccio su un piccolo balcone, definiscono senza interromperli, spazi minimali, arredati con pochi e scelti elementi che ribadiscono l’atmosfera intima, già introdotta dal calore del pavimento in parquet.

Accompagna ogni scelta progettuale, la presenza studiata di soluzioni e strumenti tecnologici che ottimizzano l’uso della casa, oltre a diventare veri e propri caratteri progettuali : “La domotica semplifica e velocizza il controllo delle funzioni domestiche, e ci permette di creare scenari luminosi e sonori sempre diversi “- spiega lo studio.

La bellezza della luce naturale, è simulata la sera tramite fasci luminosi diffusi lungo le pareti, e i colori chiari utilizzati per le pareti e i pochi arredi contribuiscono ad amplificarne l’effetto.

Sedute Vitra intorno al tavolo e ‘Toio' di Castiglioni sono i pezzi di design protagonisti della sala pranzo.

Il percorso che attraversa l’abitazione approda alla zona notte, sviluppata lungo un corridoio dove si mimetizzano a filomuro le porte del bagno e delle due camere.

Il sobrio minimalismo è mantenuto nella stanza matrimoniale, riservata al letto e due semplici comodini (una piccola cabina armadio ricavata separatamente) e nei bagni, essenziali nelle dimensioni e nella scelta dei materiali – cemento a vista per pareti e pavimento- che acquisisce calore attraverso gli elementi in legno disegnati su misura da DiDeA, o gli accenti rossi di colore custimizzato delle rubinetterie.

Foto simili
Commenti