Campus universitario - parana - brasile studio la piramide architettura e urbanistica giardino in stile industriale | homify
<
Campus Universitario - Parana - Brasile Studio la Piramide Architettura e Urbanistica Giardino in stile industriale
<
Campus Universitario - Parana - Brasile Studio la Piramide Architettura e Urbanistica Giardino in stile industriale
<
Campus Universitario - Parana - Brasile Studio la Piramide Architettura e Urbanistica Giardino in stile industriale

Committente: Pubblico/Azienda
Project Manager Progetto architettonico, DDL,… . Presentato e protoccolato progetto preliminare in data 11 dicembre 2015Udienza Pubblica 19 febbraio 2016Superficie fondiaria 150.000,00 mq Superficie Lorda Pavimentata 20.000,00 mq

Il progetto dell’intero Compendio Polo
Tecnico Scientifico è stato elaborato nell’intento di raggiungere vantaggi in termini di benessere, integrità fisica e culturale del territorio; di migliorare la qualità della vita e dei connotati di civiltà dell’insediamento urbano; di mitigare l’impatto del nuovo insediamento sul sistema naturale e ambientale.

Lo studio dell’ambito territoriale e le valutazioni di sensibilità e criticità del territorio hanno permesso di formulare le scelte strategiche che rappresentano l’ossatura del presente progetto, inoltre il ruolo di centralità della Prefettura di Campo Largo consente a nostro giudizio di definire nuovi strumenti programmatici utili alla integrazione di nuove politiche di sviluppo.

L’obbiettivo è il rafforzamento dell’identità locale promuovendo diverse sensibilità nei confronti dell’ambiente e programmando la gestione dei cambiamenti necessari a qualificare i nuovi impianti in un territorio ben caratterizzato e consapevole della propria storia e della propria identità. La concretizzazione dell’interesse attivo per lo spazio fisico quotidianamente vissuto e del paesaggio quale percezione che unisce le forme naturali che costituiscono i territori di vita dell’uomo a tutti gli elementi o segni che l’uomo ha inserito per le più diverse finalità nell’ordine naturale, ovvero paesaggio quale componente fondamentale dell’elaborazione della cultura locale che contribuisce al benessere, alla soddisfazione degli esseri umani ed al consolidamento dell’identità

Il Campus Universiario è composto da tre macro aeree (graficamente rappresentate da tre colline circolari):

1) Zona centrale – intesa come fulcro del campus quale zona polifunzionale e di rappresentanza, dotata di

2) N. 2 Zone laterali – destinate ad aule e laboratori di ricerca, tecnologia e scienza, aule internet, aule destinate allo studio oltre a biblioteca.

Il progetto prevede inoltre n. 4 microaree destinate rispettivamente a Centro di Certificazione, Area Amministrativa, Uffici Professori, Zona Sportiva e Fitness. Il campus è inoltre dotato di area parcheggio docenti e studenti oltre ad un servizio navetta per collegare le varie zone del progetto.

L’intero campus è all’interno di un agroparco con essenze autoctone dotato di zone studio e pic-nic all’aperto oltre a percorsi tematici per permettere allo studenti di recuperare energie psico-fisiche.

Green Tower

Riguardo all’aree d’espansione sopra citate, si evidenzia al solo scopo narrativo una ipotesi progettuale relativa a residenza per studenti, ovvero un edificio a Torre “Green Tower” con giardini verticali e roof-garden, i “moduli” abitativi sono separati l’uno dall’altro allo scopo di creare del “verde verticale” e “tetti verdi” per ogni “modulo” ovvero per ogni unità immobiliare.

I vari “moduli” sono unici in quanto ruotando sull’asse verticale centrale ed avendo di conseguenza angolazioni diverse hanno punti di vista e caratteristiche esclusive.

Completano il comparto residenze varie di aree comuni destinate al Fitness, Sale ricreative, Sale studio, Area di accoglienza, sicurezza e controllo, Area parcheggio coperto e scoperto.

Gli involucri edilizi (prevalentemente costituiti da in metallo e vetro) indirizzati alla innovazione tecnologica e del linguaggio architettonico, interfacciandosi con l'ambiente interno ed esterno,

definiscono il valore formale del compendio e assolvono in pieno la funzione di mediazione architettonica e costruttiva fra ambiente interno ed esterno.

I fabbricati per loro fisica composizione, riflettono il verde circostante e si amalgamano al contesto esaltando i colori della natura e del mondo vegetale quale emblema di vita, di crescita, equilibrio, evoluzione e si erigono come simbolo alla natura.

Gli schemi di suddivisione delle funzioni operative (come sopra detto) all’interno degli edifici concepite in modo da poter ospitare unità distinte, consentono una separazione netta delle attività da svolgere.

Per ancor più caratterizzare, distinguere e qualificare anche fisicamente il compendio immobiliare, si è pensato di utilizzare per la realizzazione di “contenute porzioni dei manufatti ed al solo scopo simbolico”, pietrame, legno lamellare, terra cruda, materiali riciclati e forme libere allo scopo di esaltare il rapporto fra forma (guscio), spazio, tecnologia e nell’intento di regolare il rapporto che lega l’ambiente alla struttura architettonica.

Il progetto con vocazione “ecocompatibile” propone tecnologie avanzate e nuovi sistemi progettuali al fine della autosufficienza energetica e idrica, del miglioramento del microclima interno ed esterno, del miglioramento dei requisiti termici, acustici e ambientali.

Foto simili
Commenti