Interior designer a Napoli: Trova Interior designer | homify

13 Interior designer a Napoli

Bacino di utenza

Qual è la differenza tra un architetto e un interior designer?

Spesso quando si parla di interni della casa è facile fare confusione tra i termini interior designer e architetto e utilizzarli come sinonimi. In realtà ci sono sostanziali differenze, che è utile conoscere per poter decidere a quale figura professionale affidarci: scopriamole insieme.

L’architetto è una figura professionale specializzata nella progettazione urbanistica, architettonica ed edilizia in genere. Lo scopo principale della prestazione di un architetto è quello di progettare o adattare un ambiente, per renderlo adatto alle esigenze del cliente. Secondo la legge italiana il titolo professionale di architetto è riconosciuto e regolato dalla legge: senza la laurea in architettura e la successiva abilitazione alla professione non è infatti possibile esercitare.

L’interior designer è invece una figura relativamente nuova, almeno in Italia, dove ha incominciato a diffondersi negli ultimi due decenni. Il compito principale dell'interior designer è quello di occuparsi appunto del design degli interni, vale a dire di un ambito piuttosto ampio, che spazia dall’arredamento alla decorazione all’illuminazione. Date queste premesse è quindi piuttosto facile capire quanto le due professioni siano diverse e al tempo stesso complementari. Solitamente  l'intervento dell'architetto è precedente all’operato dell’interior designer, anche se può accadere che lavorino in contemporanea. Inoltre può essere utile ricordare che spesso in Italia un architetto può occuparsi anche di interior design, mentre non è possibile il contrario, perché per esercitare come architetto occorre possedere il titolo legale. L’attività di interior designer non è invece legata ad alcun vincolo o titolo legale, anche se ormai sono sempre più frequenti i corsi universitari o i master  in interior design.

Come trovare il migliore interior designer a Napoli?

Con homify oggi la scelta del giusto interior designer a Napoli può essere davvero semplice. Grazie a una selezione dei migliori esperti tra cui scegliere, è infatti ancora più facile trovare quello che più risponde alle nostre esigenze e al nostro gusto personale.

Quali servizi offrono gli interior designer di Napoli?

Oltre a realizzare ambienti esteticamente piacevoli, l’interior designer si occupa anche di rendere lo spazio più confortevole e accogliente o, per riassumere con un solo termine, più abitabile. Perché questo sia possibile l’interior designer, a Napoli, come in ogni altra città d’Italia, si occuperà di alcuni ambititi particolari:

-        Arredi e decorazione. La scelta dei mobili, delle decorazioni e delle rifiniture in generale è la parte più visibile del lavoro dell’interior designer, perché è quella che definisce la personalità di un’abitazione, che si tratti di una casa d’epoca, di una villa in campagna o di un loft contraddistinto da un’architettura moderna. Per lasciare il proprio segno distintivo l’interior designer utilizzerà diversi materiali e colori, lavorando spesso in sinergia con gli architetti locali, per regalare unità e coerenza tra architettura e design

-        Illuminazione. Benché spesso trascurata e sottovalutata, l’illuminazione costituisce uno dei principali elementi dell’interior design. Grazie alla luce è infatti possibile ridisegnare la fisionomia di una stanza, facendola apparire talvolta più ampia, più lunga o più bassa, a seconda delle diverse esigenze. Inoltre è importante ricordare che l’illuminazione ci permette di caratterizzare l’atmosfera di un ambiente.

-       Acustica. Spetta all’interior designer progettare anche l’acustica delle stanze, per offrire ai proprietari il maggior confort possibile e permettergli così di ricevere amici, guardare la televisione o ascoltare musica senza quel fastidioso effetto rimbombo che spesso penalizza molti ambienti, soprattutto quando si parla di architettura commerciale, vale dire ristoranti, pub e locali pubblici in genere.

Cosa bisogna sapere quando si sceglie un interior designer a Napoli?

Quando si sceglie un interior designer a Napoli è importante aver definito precedentemente il budget a propria disposizione e lo stile che desideriamo per la nostra casa, per evitare equivoci e malintesi. Per esempio, un professionista abituato a lavorare con loft metropolitani e lussuosi appartamenti di città  potrebbe non essere adatto a riorganizzare gli ambienti di una casa di campagna. Inoltre, è importante che l’interior designer conosca le normative locali in materia di edilizia, per non incorrere in abusi poi difficili e costosi da sanare. Per  esempio, poiché l’altezza  del controsoffitto nei locali di servizio varia da Comune a Comune, potrebbe accadere che un interior designer poco esperto possa consigliarci un abbassamento del soffitto eccessivo rispetto a quanto previsto dalla normativa.

Infine, per quanto riguarda i costi della prestazione dell’interior designer, non è semplice definire cifre esatte perché possono variare a seconda diversi parametri, che vanno dall’esperienza del professionista alle dimensioni della casa. Indicativamente potremmo dire che i prezzi medi si attestano tra i 500 ei 1000 Euro per stanza, considerando per esempio che progettare un soggiorno o una cucina potrebbe rivelarsi più complesso di una camera da letto. Una spesa che a molti potrebbe sembrare superflua ma che in realtà ci permette di trarre il massimo dalla nostra casa, soprattutto quando le dimensioni a disposizione sono ridotte e occorre valorizzare gli spazi al meglio per poter offrire a ciascun componente della famiglia un angolo di tranquillità in cui potersi rilassare. Se anche tu hai questa esigenza, scorri la sezione di homify dedicata agli interior designer a Napoli: potrai trovare l’interior designer più vicino a casa tua, a cui richiedere un preventivo.