Conciatetti a Torino: Trova Conciatetti | homify

0 Conciatetti a Torino

Bacino di utenza
La tua ricerca non ha prodotto risultati. Puoi essere il primo a caricare le foto in questa categoria.

Conciatetti a Torino

Il tetto rappresenta una degli elementi principali di un'abitazione. Ciò indica la necessità di svolgere dei lavori tecnicamente perfetti, considerando come debba sottostare al costante effetto degli agenti atmosferici. La progettazione dovrà consentire il suo perdurare negli anni. Risulta dunque necessario rivolgersi a dei professionisti con una comprovata esperienza alle spalle, che possano non soltanto occuparsi della realizzazione del tetto ma, al tempo stesso, fornire degli utili consigli sulle modalità e le tempistiche della necessaria manutenzione. Soltanto attraverso una cura costante infatti ci si potrà garantire una piena copertura nei decenni a venire. Una volta individuata una problematica, si consiglia di intervenire il prima possibile, rivolgendosi a un conciatetti. Attendere troppo a lungo prima di porre riparo al danno non farà che aumentare il costo per il rifacimento del tetto. Possono infatti verificarsi delle infiltrazioni d'acqua, così come generarsi muffe e chiazze d'umidità sul soffitto. A ciò si aggiunge inoltre un aumento dei costi di riscaldamento e raffreddamento della propria abitazione, dovuto alla costante dispersione termica. Risparmiare quando si tratta di elementi cruciali in un'abitazione non è mai qualcosa di positivo. Allo stesso modo operare da sé, ritenendo le proprie abilità fai da te in grado di gestire un compito gravoso come questo, è altamente sconsigliato. Ben più saggio rivolgersi a personale qualificato e magari consigliato da amici o parenti, con il quale confrontarsi sulla spesa prevista per metro quadro, ottenendo un preventivo dettagliato.

Conciatetti a Torino, quale copertura scegliere?

Una volta individuato il giusto conciatetti a Torino (consigliati magari dal proprio architetto), preferibilmente in grado di mettere a disposizione del cliente un'ampia squadra di professionisti esperti, ci si potrà immergere nell'ampia gamma di scelte per la copertura della propria casa. Prima di procedere all'installazione si riceveranno svariati consigli da parte della ditta contattata, basati sull'analisi della struttura e sulla località nella quale i lavori verranno eseguiti. È innegabile infatti che l'impatto meteorologico abbia un peso specifico in materia. La copertura classica è quella che prevede l'utilizzo di tegole in laterizio. Si tratta della scelta più economica, con un costo di 7-10 euro per mq, che garantisce una buona resistenza, a fronte di condizioni climatiche nella norma. Impatto estetico gradevole, così come le tegole in cemento, che per caratteristiche e resa risultano alquanto simili. Il costo risulta in questo caso maggiore, giustificato da una migliore impermeabilità. Ben altra consistenza invece vantano le lastre in pietra, solitamente sfruttate nelle abitazioni rurali e di montagna. Si tratta del materiale più resistente col quale poter realizzare una copertura. Ciò comporta una spesa ben maggiore rispetto alla norma, con un costo che va dai 20 ai 50 euro per mq. Al tempo stesso però richiede ben poca manutenzione nel corso degli anni, andando in questo modo a ripagare dell'investimento effettuato. In alternativa si può optare per una variante del tutto ecologica, quella delle lastre in fibrocemento. Si tratta di elementi resistenti agli sbalzi termici, così come ai fenomeni atmosferici in genere. Tanti i vantaggi dunque, tra i quali rientra anche il prezzo, che crolla fino a 7-10 euro al mq

Conciatetti a Torino, regolamento edilizio

Individuare il giusto conciatetti a Torino vuol dire affidarsi a un'azienda in grado di garantire il pieno rispetto delle normative vigenti, ovvero del regolamento edilizio, che muta a seconda del comune dove viene applicato. Ogni edificio deve essere provvisto di idonea copertura, sia essa piana o inclinata. La sua pendenza di falda non potrà in nessun caso superare il 50%. La normativa impone inoltre la presenza di canali di gronda e pluviali, così da poter provvedere alla raccolta e in seguito allo smaltimento delle acque accumulate in seguito a piogge. Lavorare alla posa di un tetto senza dover rimuovere alcuno strato precedente, vuol dire fare i conti molto spesso con alcune installazioni necessarie, come ad esempio i comignoli. La ditta che si occuperà di tali interventi dovrà ben sapere che questi vengono considerati a tutti gli effetti degli elementi architettonici. Ciò vuol dire che dovranno rispondere alle precise norme previste, soprattutto per quanto concerne l'aspetto formale e la compatibilità dei materiali. Qualora il committente abbia richiesto dei lavori in un'area di valore storico o ambientale, la copertura dovrà essere eseguita dal conciatetti in maniera lineare rispetto ai caratteri generali del sito. Qualora si volessero realizzare dei terrazzini nelle falde dei tetti, questi dovranno essere allineati con le aperture sottostanti, con questi ultimi che delineeranno la larghezza dei serramenti. La dimensioni totale dei terrazzini non dovrà superare però 1,80 metri, senza interrompere inoltre la continuità del cornicione o della gronda. Qualora la norma non preveda la loro realizzazione nelle falde dei tetti in una data area cittadina, si potrà optare per la formazione di un piccolo piano antistante il fronte dell'abbaino, restando al livello del pavimento o del davanzale. In questo caso però la profondità non dovrà superare gli 0,50 metri, con larghezza pari a quella dell'abbaino stesso. Ciò risulta necessario per l'eventuale apertura di persiane. Per quanto concerne canali di gronda e pluviali invece, il regolamento edilizio ne prevede la struttura in rame, con il tetto che dovrà prevederne l'installazione sia verso il suolo pubblico che verso i cortili interni alla struttura, qualora si tratti di un condominio e non un'abitazione privata.