Villa a schiera: Architettura, Idee e Foto l homify Villa a schiera: Architettura, Idee e Foto l homify
Error: Cannot find module './CookieBanner' at eval (webpack:///./app/assets/javascripts/webpack/react-components_lazy_^\.\/.*$_namespace_object?:3654:12) at at process._tickCallback (internal/process/next_tick.js:189:7) at Function.Module.runMain (module.js:696:11) at startup (bootstrap_node.js:204:16) at bootstrap_node.js:625:3

Villa a schiera: Architettura, Idee e Foto l homify

Cos’è una villa a schiera?

La casa a schiera o villa a schiera è un'abitazione che comprende più unità poste di fianco. Le ville a schiera sono normalmente monofamiliari e hanno uno spazio antistante dedicato al giardino che funziona anche da ingresso prima di accedere alla casa vera e propria.

Le case a schiera si chiamano in questo modo proprio per la loro caratteristica costruttiva: a schiera. I singoli appartamenti vengono separati gli uni dagli altri con muri ciechi comuni costruiti sull'allineamento di confine delle singole case. Questa tipologia di casa si sviluppa più in altezza che in profondità: la residenza ha più livelli, solitamente tre o addirittura quattro, comprensiva di seminterrato.

Qual è però l’origine delle casa a schiera? Questa tipologia di abitazione è molto comune in Italia, ma anche all’esterno. Molti non sanno che l’architetto inglese John Wood fu il primo a progettare questo tipo di villa a schiera già nella metà del 1700.

Quali sono le caratteristiche di una villa a schiera?

Le ville a schiera sono caratterizzate:

-Sviluppo da terra a cielo; 

-Ingressi indipendenti; 

-Uso monofamiliare; 

-Muri perimetrali laterali in comune se le case sono affiancate; 

-Spazio anteriore e posteriore alla casa (solitamente per giardino e terrazzo); 

-Modulo costruttivo di forma rettangolare (lato lungo tra 10 e 12 metri e lato corto tra 6 e 7 metri).

Le case a schiera sono quindi un insieme di case allineate e confinanti adibite all’uso abitativo da parte di una singola famiglia e quindi sono da considerarsi monofamiliari. In origine il piano terra delle case a schiera erano utilizzate per uso lavorativo, quindi questa tipologia di casa era suddivisa in modo diverso. Il vero e proprio accesso alla casa era esterno e si trovava soltanto al primo piano, mentre i vari piani sono collegati tra di loro tramite una scala interna. Lo spazio è sfruttato in altezza come abbiamo detto, quindi sarà normale avere una casa a schiera che sfrutta questa caratteristica invece di una suddivisione interna per piano. Una villa a schiera permette ad una famiglia di avere gli spazi giusti anche in prospettiva, assicurando ai propri figli la giusta privacy vista la disposizione su più livelli, il tutto per una residenza confortevole e funzionale.

La costruzione di case a schiera permette alle imprese di progettare opere che non vanno in contrasto con l’ambiente circostante come potrebbe invece capitare per un condominio con appartamenti. La maggior parte di queste case prevede infatti tre o quattro livelli, non di più. Il pian terreno è spesso utilizzato come una sala hobby, con televisione, divano, magari anche camino e angolo cottura: lo spazio ideale per ricevere gli amici e parenti

Acquistando una casa a schiera si ha l’imbarazzo della scelta, in quanto molto ampia. È importante scegliere la residenza in relazione alle proprie esigenze abitative attuali e future. Sarà di vitale importanza la scelta dei materiali di costruzione: in base a questi, una casa a schiera può diventare un’abitazione duratura nel tempo, anche a risparmio energetico con le ultime novità in fatto di isolamento termico e impianti ad energie rinnovabili.

Quali sono i pro e i contro di una villa a schiera?

Il miglior rapporto qualità prezzo lo offre sicuramente una villetta a schiera di testa, unicamente perché è una tipologia di residenza che gode di un terreno circostante più ampio delimitato da tre muri esterni che consentono di avere più finestre e quindi automaticamente molta più luce su entrambi i lati. Anche il giardino sarà più ampio, probabilmente avrete bisogno di un giardiniere. Rimane però la costante della struttura muro a muro con tutti gli inconvenevoli derivanti dal vivere vicino ad altre persone, magari su un lotto relativamente piccolo, quindi scegliendo una villa a schiera bisognerà scendere a compromessi.

Quali però sono i vantaggi?

-Viste le dimensioni limitate del terreno e l’utilizzo condiviso degli impianti (come l’impianto per il riscaldamento), i costi di costruzione e di manutenzione sono molto più bassi rispetto a quelli di una classica casa unifamiliare indipendente; 

-Viste le piccole dimensioni della zona circostante e della casa stessa, la ville a schiera ha una manutenzione semplice e poco costosa; 

-Nelle ville a schiera con solo due muri esterni, i costi per il riscaldamento possono essere  inferiori. 

Per quanto riguarda gli svantaggi invece elenchiamo: 

-Le case a schiera hanno un giardino molto piccolo rispetto a casa unifamiliari e ville; 

-Non c’è quella libertà di organizzazione tipica delle ville perché anche se su più livelli, la pianta della casa a schiera è comunque molto limitante; 

-Tendenzialmente le ville a schiera sono strette e lunghe e quindi risultano più difficili da arredare; 

-Se non si ha la villa a schiera di testa - la prima della serie a schiera -, ci saranno solo di soli due muri esterni con finestre e quindi la casa sarà necessariamente poco luminosa; 

-Come per gli appartamenti, si ha comunque un contatto diretto con i vicini che può dar vita a conflitti; 

-Una villa a schiera può essere difficile da rivendere.